.:: Unioncamere ::.



Home > Comunicazione > Comunicati Stampa > P.A.: Dardanello, pronti a riforma ma il Governo ci sostenga
P.A.: Dardanello, pronti a riforma ma il Governo ci sostenga

Le Camere di commercio italiane hanno accettato la sfida del cambiamento ed avviato una riorganizzazione forte ed impegnativa dell’intero sistema. Ora il Governo sostenga lo sforzo di questi fondamentali strumenti di servizio alle imprese. E’ l’appello lanciato dal Presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello, nel corso della conferenza stampa sulle conseguenze dei tagli operati dal decreto sulla P.A.

“Tagliare i diritti camerali prima di aver compiuto la riforma è, secondo noi un errore. Ma la decisione del Parlamento di accogliere la nostra richiesta di spalmare in tre anni i tagli – spiega Dardanello -  ci dà un po’ di tempo per portare avanti quel percorso di riforma che renda ancora più efficace ed efficiente l’azione delle Camere di commercio a sostegno dello sviluppo di imprese e territori. Un percorso – ricorda - che eravamo disponibili a intraprendere già due anni fa, ma la nostra proposta di riordino si arenò in Parlamento. Oggi siamo pronti a fare uno sforzo aggiuntivo per accelerare il cammino di una riorganizzazione che porterà ad una drastica diminuzione del numero delle Camere di commercio, ad adottare costi standard per tutte le realtà del Paese, a rivedere gli strumenti con i quali il sistema camerale opera. Uno sforzo che chiediamo ora al Governo di sostenere. Perché riteniamo sia in linea con le esigenze di modernizzazione della macchina amministrativa pubblica italiana e di crescita del sistema economico”.

 

 

Documenti

icona allegato
Comunicato stampa - doc, 107kB

Data di pubblicazione: 29-07-2014

Condividi:
Voci collegate

Riforma delle Camere di commercio