.:: Unioncamere ::.



Home > Comunicazione > Primo piano > www.italianqualityexperience.it: la ricchezza dell'agroalimentare italiano in vetrina per Expo 2015
www.italianqualityexperience.it: la ricchezza dell'agroalimentare italiano in vetrina per Expo 2015
uploaded/Generale/Focus on/2015/IQEXMGD.jpg

Per Expo 2015 il Sistema Camerale lancia Italian Quality Experience, una piattaforma web per presentare il modello italiano della filiera agroalimentare allargata. 700.000 imprese per raccontare il Made in Italy quale sapiente intreccio tra territorio, talento e tradizione. Per diffondere la conoscenza della piattaforma su scala internazionale un ruolo di rilievo sarà giocato dalle 105 Camere di commercio italiane e dalle 81 Camere di commercio italiane all’estero che, anche attraverso la rete dei 1700 ristoranti italiani nel mondo dislocati in 55 Paesi nei cinque continenti, consentiranno di raggiungere oltre 60 milioni di persone. Con Italian Quality Experience si concretizza così uno dei primi progetti inseriti dal Governo in Agenda Italia 2015 per l’Expo, patrocinato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, dal Ministero dei Beni, le Attività Culturali e il Turismo, dal Ministero dell’Ambiente e, per le attività di promozione all’estero, dalla EXPO 2015 S.p.A.

La piattaforma è stata presentata oggi a Roma dal presidente dell’Unione italiana delle Camere di commercio, Ferruccio Dardanello, dal presidente della Fondazione Symbola partner dell’iniziativa, Ermete Realacci, insieme al ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Maurizio Martina.

I prodotti agroalimentari italiani sono famosi in tutto il mondo – ha sottolineato il presidente di Unioncamere Ferruccio Dardanellomentre è meno noto l’universo delle tante imprese che hanno reso e rendono possibile questo miracolo ogni giorno. Siamo consapevoli che è difficile dare la rappresentazione di un sistema così complesso e della ricchissima varietà di imprese, dalla più grande alla più piccola, che  sono distribuite su tutto il territorio, che operano in più settori, che si intrecciano tra loro in diversi legami di filiera. Però abbiamo trovato una chiave di lettura che pensiamo possa facilitarne la comprensione: le filiere agroalimentari allargate in una visione tridimensionale, nella quale emergano le capacità dell’imprenditore di mettere insieme in un mix il territorio, la tradizione e il talento.

 

 

 

 

Data di pubblicazione: 13-01-2015

Data di aggiornamento: 14-01-2015

Condividi:

Riforma delle Camere di commercio