.:: Unioncamere ::.



Home > Comunicazione > Primo piano > Osservatorio Imprenditoria femminile Unioncamere: donne d'impresa protagoniste di Expo 2015
Osservatorio Imprenditoria femminile Unioncamere: donne d'impresa protagoniste di Expo 2015
uploaded/Generale/Comunicazione/Primo Piano/2015/donna2.png

Le imprenditrici hanno maggiori possibilità rispetto ai colleghi uomini per cogliere le opportunità di crescita dell’Expo 2015 e quindi diventarne protagoniste. Il 29% delle 1.302.054 imprese femminili si concentra, infatti, sulle filiere agroalimentari e turistiche che più di altre potranno trarre vantaggio dall’Esposizione universale, contro il 22% dell’intero tessuto imprenditoriale. E’ quanto emerge dai dati al 2014 dell’Osservatorio dell’Imprenditoria femminile di Unioncamere.

 

Nella filiera turistica “rosa” le donne imprenditrici gestiscono soprattutto bar e ristoranti che costituiscono quasi il 60% del comparto. Numeri alla mano su 143.256 aziende a guida femminile che operano nel turismo ben tre su quattro si occupano di ristorazione vale a dire 105.376 imprese (il 28,7% del totale delle aziende del comparto) e di queste la metà sono costituite da bar (53.196 unità), mentre il 29,9% da ristoranti (31.474) seguite, per numerosità, dai “take away” (10.031). Il secondo comparto del turismo più popolato è costituito dall’ospitalità che con 16.241 imprese pesa l’11,3%. Qui le donne sono al comando soprattutto di alberghi (8.722 unità) e di strutture extralberghiere con 6.232 imprese femminili tra affittacamere, case appartamenti, B&B, residence. Terzo per numerosità di imprese, in totale 6.607, ma primo per tasso di femminilizzazione, pari al 37,5% sul complesso delle relative aziende, è invece il comparto dei servizi di intermediazione turistica. Più in particolare l’incidenza delle donne raggiunge punte elevate nei servizi di guide e accompagnatori turistici (il 52,9% delle complessive 737 aziende) e nelle agenzie di viaggio (il 42,6% delle 5.804 imprese totali).  
 

Documenti

icona allegato
Comunicato stampa - doc, 318kB

Data di pubblicazione: 20-02-2015

Condividi:

Riforma delle Camere di commercio