.:: Unioncamere ::.



Home > Innovazione e proprietà industriale > Innovazione > L'adesione dell'Italia alla cooperazione europea rafforzata sul brevetto unitario
L'adesione dell'Italia alla cooperazione europea rafforzata sul brevetto unitario

Il 13 maggio 2015 il Governo guidato da Matteo Renzi ha raggiunto l'accordo sull'adesione dell'Italia alla cooperazione europea rafforzata sul brevetto unitario, a cui sinora hanno aderito 26 paesi UE (su 28), e ne riferirà successivamente alle Camere per avere l'approvazione del proprio orientamento politico.

Secondo i dati più recenti, nel 2014 il 54,8% dei brevetti europei è “di tipo PCT”, con la loro registrazione che avviene attraverso un’unica domanda internazionale per gli Stati designati in base al Patent Cooperation Treaty, presentata presso (lo WIPO, l’UIBM, altri Uffici nazionali o) l’EPO, contro il 24,1% di quelli registrati nel 2001.

La dinamica evidenzia un crescente interesse delle imprese italiane per l’orizzonte internazionale di tutela della proprietà industriale e intellettuale.

 

Data di pubblicazione: 30-06-2015

Condividi:

Riforma delle Camere di commercio