.:: Unioncamere ::.



Home > Comunicazione > Primo piano > SMETCH: la KIC europea sulle materie prime incontra le PMI italiane
SMETCH: la KIC europea sulle materie prime incontra le PMI italiane
uploaded/Generale/Comunicazione/Primo Piano/2016/smetch.png

L’ENEA ospiterà il 4-5 ottobre 2016 l’evento SMETCH, organizzato in collaborazione con l’Unioncamere e le Camere di commercio italiane. L’iniziativa rientra tra le attività della Knowledge Innovation Community (KIC) sulle materie prime (RawMaterials), istituita nel 2014 dall’Istituto Europeo di Tecnologia ed Innovazione (EIT).

EIT RawMaterials è l’associazione che coinvolge più di cento partner europei, con un budget di 2 miliardi di euro in sette anni, per creare tra l’altro cinquanta start up e migliaia di posti di lavoro nell’Unione Europea, anche indirizzando la formazione professionale dei giovani laureati sulle materie prime strategiche, non agroalimentari e non energetiche. Si tratta della rete mondiale più grande di imprese, università e centri di ricerca finanziata per stimolare l’innovazione nel settore delle materie prime con prospettive critiche di approvvigionamento, al fine di migliorarne l’estrazione, il riciclo, il riuso e la sostituzione nei processi produttivi.

La KIC si articola in sei nodi europei, coordinati dal quartiere generale in Germania. La sede centrale del nodo SUD Europa, a cui partecipano  cinquanta partner di Italia, Spagna, Ungheria e Malta, è  presso il Centro Ricerche Casaccia dell’ENEA.

L’evento SMETCH punta a collegare le domande di innovazione e conoscenza delle PMI con le tecnologie emergenti nel recupero di queste specifiche materie prime, per coinvolgere attivamente tutte le imprese nelle attività della KIC. L’evento è aperto anche agli studenti universitari e ai giovani laureati.

La partecipazione ai lavori è gratuita previa registrazione.


Info EIT Raw Materials >>

Registrazione SMETCH >>

 

Documenti

icona allegato
Programma - pdf, 656.5kB

Data di pubblicazione: 02-07-2016

Data di aggiornamento: 20-07-2016

Condividi:

Riforma delle Camere di commercio