.:: Unioncamere ::.



Home > Comunicazione > Comunicati Stampa > Assegni: Unioncamere, 300 al giorno quelli scoperti
Assegni: Unioncamere, 300 al giorno quelli scoperti

28mila in Italia nei primi tre mesi. Sono 10mila in meno rispetto al 2015 


Gli assegni si usano sempre meno ma quelli scoperti non passano del tutto di moda: nei primi tre mesi dell’anno sono stati quasi 28mila i titoli “cabriolet” piazzati (311 al giorno) per un valore di poco più di 100milioni di euro (107.756 per la precisione).  
Il Registro informatico dei protesti, gestito da Unioncamere-Infocamere, segnala un calo continuo del numero degli assegni scoperti nel nostro Paese con una diminuzione fra il primo trimestre di quest’anno e quello dello scorso anno di quasi 10mila unità.

L’utilizzo della moneta elettronica sta probabilmente agevolando la riduzione dei titoli protestati, in particolar modo degli assegni”, sottolinea il presidente di Unioncamere, Ivan Lo Bello. “E’ un percorso di crescita anche culturale molto importante che il nostro Paese sta compiendo e deve continuare a compiere per rendere più efficiente e sicuro il mercato italiano”.

 

Documenti

icona allegato
comunicato stampa - doc, 207kB

Data di pubblicazione: 27-08-2016

Data di aggiornamento: 01-09-2016

Condividi:
Voci collegate

Riforma delle Camere di commercio