.:: Unioncamere ::.



Home > Comunicazione > Primo piano > Presentato al ministero dello Sviluppo economico il Network nazionale Industria 4.0
Presentato al ministero dello Sviluppo economico il Network nazionale Industria 4.0
/uploaded/Primo Piano/LancioNetworknazionale4.png

Unire le forze per accompagnare e supportare le imprese nella trasformazione digitale 4.0: questo l'obiettivo del Network nazionale Industria 4.0, presentato oggi al ministero dello Sviluppo economico dal ministro Carlo Calenda. L'iniziativa si colloca nell'ambito del Piano Nazionale Industria 4.0 che, attraverso numerosi strumenti, punta a rilanciare la competitività delle imprese italiane, sostenendole nei loro programmi di investimento e di innovazione.


Il Network sarà costituito da numerosi punti distribuiti sul territorio nazionale, che si occuperanno della diffusione della conoscenza relativa ai vantaggi derivanti da investimenti in tecnologie in ambito Industria 4.0 e dal Piano nazionale Industria 4.0 e di assistere le imprese nella comprensione della propria maturità digitale individuando le aree di intervento prioritarie. Un impegno che si tradurrà anche nel rafforzamento e diffusione delle competenze sulle tecnologie in ambito Industria 4.0 e nell'orientamento delle imprese verso le strutture di supporto alla trasformazione digitale e i centri di trasferimento tecnologico. Infine, verrà fornito stimolo e supporto alle imprese nella realizzazione di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale.

Il Network nazionale Industria 4.0 riconosce il ruolo delle Camere di commercio italiane a supporto della digitalizzazione delle imprese: sono infatti previsti 77 Punti d’Impresa Digitale (PID), in capo alle Camere di commercio, che offriranno la diffusione della conoscenza di base sulle tecnologie in ambito Industria 4.0.

A questo si aggiungeranno 100 Innovation Hub, di cui:

30 in capo a Confartigianato
28 in capo a CNA
21 in capo a Confindustria
21 in capo a Confcommercio


Il presidente di Unioncamere, Ivan Lo Bello, ha dichiarato che "quello di oggi è un importante passo avanti per la modernizzazione del sistema Italia. Le Camere di commercio daranno il proprio contributo a questa azione sinergica di squadra attraverso la costituzione dei punti impresa digitale presso le proprie sedi sul territorio, dedicati alla diffusione della cultura e della pratica del digitale nelle Pmi di tutti i settori economici". Il ministro Calenda ha firmato il decreto che consente alle Camere di commercio di reperire i fondi necessari ai nuovi progetti attraverso un aumento del 20% del diritto annuale.

Per maggiori informazioni: http://bit.ly/2q3kiOR

 

Data di pubblicazione: 22-05-2017

Condividi:
La riforma delle Camere di commercio