.:: Unioncamere ::.



Home > Comunicazione > Comunicati Stampa > Imprese: +36mila tra aprile e giugno, ma la "corsa" rallenta
Imprese: +36mila tra aprile e giugno, ma la "corsa" rallenta
/uploaded/Generale/Comunicazione/Comunicati Stampa/2017/movimpreseiitrimestre1.png

Più dinamici servizi alle imprese, attività professionali e turismo
Migliora il saldo degli artigiani (+3.200)

 

Aumenta il numero delle imprese italiane, ma la crescita rallenta il passo. Iscrizioni, cessazioni e tasso di incremento del tessuto imprenditoriale sono, infatti, in frenata nel secondo trimestre del 2017 rispetto allo stesso periodo del 2016. Tra aprile e giugno le nuove imprese sono state 92.500 (contro le 98.500 di un anno fa), le cessazioni 56.700 (contro 60.400) e il saldo si è attestato a 35.800 imprese in più rispetto a marzo (nel 2016 erano 38.100).

A livello territoriale, tutte le regioni fanno segnare un saldo positivo di imprese, ma nessuna area migliora l’andamento rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno. Tra i settori, quelli più dinamici tra aprile e giugno sono stati: servizi alle imprese (+8.153 unità nel trimestre), commercio (+6.872) e turismo (+5.659). Nota positiva, infine, per le imprese artigiane che continuano a migliorare – pur se lievemente - il proprio saldo trimestrale per il quarto anno consecutivo (+3.166 nel 2017).

E’ questa -  in estrema sintesi - la dinamica che emerge dalla lettura dei dati ufficiali sulla natalità e mortalità delle imprese italiane nel secondo trimestre 2017, diffusi da Unioncamere - InfoCamere.  Tutti i dati sono disponibili online all’indirizzo www.infocamere.it/movimprese.
 

 “L’avanzata del tessuto imprenditoriale è un segnale incoraggiante, ma occorre accelerarne il cammino. La digitalizzazione è la via maestra da percorrere perché è uno straordinario moltiplicatore di esportazioni e di innovazione" è il commento del presidente di Unioncamere, Ivan Lo Bello. "Per questo le Camere di commercio stanno lavorando alla diffusione della cultura e dell’utilizzo delle tecnologie digitali anche attraverso la costituzione di 77 Punti Impresa Digitale (PID) all’interno del Piano nazionale Industria 4.0”.

 

Documenti

icona allegato
Comunicato stampa - doc, 628.5kB
icona allegato
Comunicato stampa - pdf, 1.5MB

Data di pubblicazione: 25-07-2017

Condividi:
Voci collegate

Riforma delle Camere di commercio