.:: Unioncamere ::.



Home > Comunicazione > Primo piano > Excelsior Informa, le opportunità di lavoro nel mese di dicembre 2017
Excelsior Informa, le opportunità di lavoro nel mese di dicembre 2017
/uploaded/Generale/Comunicazione/Primo Piano/2017/excelsiordicembre1.png

Delle entrate complessive programmate nel mese di dicembre, il 22% presenta ancora delle complessità (sebbene in leggera diminuzione rispetto al mese precedente), soprattutto nel settore dei servizi informatici e delle comunicazioni (41%), nelle industrie del legno e del mobile (38%), nelle industrie estrattive e della lavorazione dei minerali non metalliferi (37%) e in quelle metalmeccaniche ed elettroniche (35%).

In particolare, tra le professioni di difficile reperimento figurano gli specialisti in scienze matematiche, informatiche, chimiche, fisiche e naturali (58%), i tecnici informatici, telematici e delle comunicazioni (49%), i tecnici in campo ingegneristico (42%), i fonditori, saldatori e montatori di carpenteria metallica (46%), gli artigiani e operai specializzati addetti alle rifiniture delle costruzioni (44%) e i meccanici artigianali riparatori e manutentori di macchine fisse e mobili (40%).

Ancora più accentuato appare il mismatch per le professioni destinate a giovani con meno di 29 anni: infatti, le richieste delle imprese destinate ai giovani sono oltre 89mila (il 35% del totale), ma la difficoltà di reperimento riguarda quasi 3 figure su 10 (29%). Tra le professioni a maggior difficoltà di reperimento tra i giovani spiccano gli specialisti in scienze informatiche, fisiche e chimiche (65%),  i tecnici in campo informatico, ingegneristico e della produzione (48%) e gli operai nelle attività metalmeccaniche ed elettroniche (48%).

E’ quanto emerge dal Bollettino mensile del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in collaborazione con ANPAL, sulla base delle entrate previste dalle imprese con dipendenti dell’industria e dei servizi tra dicembre 2017 e febbraio 2018.

 

Data di pubblicazione: 07-12-2017

Condividi:
La riforma delle Camere di commercio