.:: Unioncamere ::.



Home > Comunicazione > Comunicati Stampa > Mestieri artigiani: non c'è crisi per tatuatori e giardinieri
Mestieri artigiani: non c'è crisi per tatuatori e giardinieri

In cinque anni 110mila artigiani in meno, ma alcuni mestieri ne escono vincitori
In crescita anche meccanici, sarti specializzati, panettieri e pasticceri


Imprese di pulizia, tatuatori, giardinieri, agenzie per il disbrigo delle pratiche, meccanici industriali, sarti per cerimonie, panettieri e pasticceri. Questi alcuni dei mestieri artigiani che, a dispetto della dura selezione della categoria che continua ormai da anni, resistono e crescono, raggiungendo a fine 2017 numeri consistenti.

Come emerge dalla fotografia scattata da Unioncamere e InfoCamere sull’imprenditoria artigiana, le imprese del comparto che si occupano di pulizia degli edifici sono aumentate di oltre 6mila unità tra dicembre 2012 e dicembre 2017. Nel settore degli Altri servizi alla persona, gli specialisti di tatuaggi e piercing sono oltre 4mila in più di 5 anni fa. In forte aumento anche i giardinieri (quasi 3.400 in più), le agenzie di disbrigo pratiche (quasi 2mila), i meccanici industriali (+1.854), i sarti per cerimonie (+1.451), i panettieri e pasticceri (+1.355). In crescita anche le imprese artigiane che si occupano di confezione di accessori di abbigliamento, quelle che curano le disinfestazioni, i parrucchieri ed estetisti, i sarti, i tappezzieri e i carpentieri.

Documenti

icona allegato
Comunicato stampa - doc, 349kB
icona allegato
Comunicato stampa - pdf, 860.7kB

Data di pubblicazione: 30-04-2018

Data di aggiornamento: 02-05-2018

Condividi:
Voci collegate

Riforma delle Camere di commercio