.:: Unioncamere ::.



Home > Spazio Europa > Grandi cantieri > Politica di Coesione
Politica di Coesione

La Politica di coesione ha l’obiettivo di ridurre la disparità tra le varie regioni dell’Unione Europea promuovendo la crescita economica, lo sviluppo sostenibile, la creazione di posti di lavoro, la competitività tra le imprese e il miglioramento della qualità della vita dei cittadini europei.

Informazioni dettagliate sulla politica di coesione sono disponibili qui.

 

Il futuro dei Fondi strutturali  

In vista del prossimo programma quadro pluriennale, la Politica di Coesione dovrebbe presentare importanti novità. La Commissione ha proposto un regolamento quadro comune per ben 7 fondi: oltre ai 3 fondi di coesione tradizionali, esso comprende anche il FEAMP, il Fondo per l’Asilo l’Immigrazione (AMIF), il Fondo di Sicurezza Internazionale (ISF) e lo Strumento per i Visti e il controllo delle frontiere (BMVI). Inoltre, la Commissione ha suggerito di concentrare le risorse su 5 obiettivi strategici:

  1. Europa più intelligente, attraverso l'innovazione, la digitalizzazione, la trasformazione economica e il sostegno alle piccole imprese;
  2. Europa più verde e priva di emissioni di carbonio, con investimenti mirati alla transizione energetica, energie rinnovabili e lotta contro i cambiamenti climatici;
  3. Europa più connessa, dotata di reti di trasporto e digitali strategiche;
  4. Europa più sociale, che sostenga l'occupazione di qualità, l'istruzione, le competenze professionali, l'inclusione sociale e un equo accesso alla sanità;
  5. Europa più vicina ai cittadini, che sostenga strategie di sviluppo gestite a livello locale e uno sviluppo urbano sostenibile in tutta l'UE.

Per il periodo 2021-2027, i negoziati sono ancora in corso. La Commissione ha presentato la propria proposta il 28 maggio 2018; a gennaio 2019 il Parlamento Europeo ha proposto alcune modifiche e a breve il Consiglio presenterà le proprie per iniziare a lavorare a un testo condiviso.

La proposta della Commissione è consultabile qui 

Le modifiche suggerite dal Parlamento sono visibili qui 

 

La nuova politica di coesione in Italia

La Commissione ha proposto di destinare all’Italia risorse comunitarie per circa 43,46 miliardi di euro (in prezzi correnti). La nuova allocazione suggerita tiene conto dei nuovi criteri di valutazione, del maggiore impegno dell’Italia nella gestione e nell’accoglienza dei flussi migratori e della complessiva riduzione del budget dovuta alla Brexit.

Dal 2019, i negoziati sulla futura politica di coesione sono collegati al Semestre Europeo. Il Country Report di ogni Stato membro include un documento che illustra, per ogni Obiettivo Strategico, i progressi che ogni Paese dovrebbe compiere per soddisfare le ‘condizioni abilitanti’ e accedere ai prossimi fondi strutturali. Si tratta, di fatto, del quadro di riferimento in cui dovrà inserirsi la programmazione nazionale/regionale.

Per l’Italia, la Commissione ha individuato le seguenti priorità d’investimento:

  • Promuovere la diffusione di tecnologie avanzate e della digitalizzazione per promuovere la crescita della produttività e la competitività delle imprese.
  • Promuovere l'efficienza energetica, una gestione sostenibile delle acque e dei rifiuti e la transizione verso l’economia circolare.
  • Migliorare la connettività digitale attraverso reti a banda larga ad altissima capacità e la rete di trasporto ferroviario con investimenti nelle tratte regionali e completando la rete transeuropea.
  • Migliorare l’inclusione sociale ed economica, la capacità di assistenza sanitarie e la partecipazione delle donne al mercato del lavoro
  • Migliorare la capacità delle istituzioni e dei servizi del mercato del lavoro e combattere il lavoro sommerso
  • Attuare strategie territoriali in sinergia con gli altri obiettivi politici per promuovere lo sviluppo economico e sociale delle zone periferiche e/o più povere. Promuovere il patrimonio culturale e dare sostegno alle imprese nel settore culturale e creativo

Il documento riporta indicazioni per migliorare l'amministrazione pubblica e l'attuazione dei fondi strutturali e d'investimento europei al fine di aumentare il tasso di assorbimento dei fondi.

Il Country Report per l’Italia è consultabile su questo link.

 

Per saperne di più

 

Scheda Informativa

Scheda informativa Politica di Coesione 

Comunicato stampa Commissione

Domande e Risposte sulla politica di coesione

Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Fondo Sociale Europeo   

Fondo di coesione

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale

Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca

 

Data di pubblicazione: 20-12-2018

Data di aggiornamento: 15-03-2019

Condividi: