.:: Unioncamere ::.



Home > Comunicazione > Comunicati Stampa > Vendemmia 2019: meno uve, prezzi stabili
Vendemmia 2019: meno uve, prezzi stabili
/uploaded/Generale/Comunicazione/Comunicati Stampa/2020/uvadavino.png

Produzione di uva da vino in calo del 6,5% rispetto al 2018 ma i volumi restano elevati e i listini non registrano tensioni al rialzo


Nonostante una vendemmia in calo rispetto al 2018, il mercato delle uve da vino non ha registrato particolari tensioni sul fronte dei prezzi. In alcuni casi, anzi, si sono osservati dei ribassi, come per alcune uve venete (Amarone, Prosecco) e piemontesi (Dolcetto, Nebbiolo). Pur registrando una riduzione del 6,5% su base annua, la produzione italiana di uve di vino si è mantenuta infatti su un livello elevato, toccando i 70 milioni di quintali, valore superato nell'ultimo decennio solo dalla produzione record del 2016 e, soprattutto, del 2018. Lo rilevano Unioncamere e BMTI in un’analisi sul mercato delle uve da vino relative alla vendemmia 2019.

Documenti

icona allegato
Comunicato stampa - docx, 51kB
icona allegato
Comunicato stampa - pdf, 947.4kB

Data di pubblicazione: 15-01-2020

Condividi:
Voci collegate

Riforma delle Camere di commercio