.:: Unioncamere ::.



Home > Comunicazione > Comunicati Stampa > Torna il prestigioso concorso dedicato alle eccellenze olearie territoriali italiane
Torna il prestigioso concorso dedicato alle eccellenze olearie territoriali italiane
/uploaded/Generale/Comunicazione/Comunicati Stampa/2020/ercole1.png

Ventata di cambiamenti per la 28esima dell’Ercole Olivario, il prestigioso concorso nazionale dedicato alle eccellenze olivicole italiane che torna anche nel 2020 ma con diverse novità, a partire dal numero di etichette ammesse in finale e dalla nuova modalità di premiazione. A partire da questa edizione, infatti, gli oli che potranno accedere alle selezioni nazionali in programma dal 23 al 28 marzo in provincia di Perugia saranno 110  (e non più 100) ma dovranno ottenere un punteggio minimo di 70/100 nelle selezioni regionali. Nel rush conclusivo a livello nazionale invece, a differenza delle passate edizioni, a ricevere l’ambito tempietto di Ercole Olivario saranno esclusivamente le etichette finaliste che otterranno almeno 75/100 punti.

Si alza dunque ancora di più l’asticella della qualità per la storica competizione organizzata da Unioncamere in collaborazione con la Camera di commercio di Perugia e il sostegno del Sistema Camerale Nazionale, delle associazioni dei produttori olivicoli, degli enti e delle istituzioni impegnate nella valorizzazione dell’olio di qualità italiano,  che per la prossima edizione sarà ancora più selettiva e premierà solo il primo classificato di ciascuna delle due categoria in gara (DOP/IGP ed EXTRA VERGINE) per le tipologie fruttato leggero, fruttato medio e fruttato intenso. Sei premi in tutto, a cui si affiancano altrettanti riconoscimenti assegnati, indifferentemente dalla categoria, in modo proporzionale al numero di oli presenti in ciascuna tipologia di fruttato (rispettivamente massimo 3 premi).

 

Documenti

icona allegato
Comunicato stampa - doc, 78kB
icona allegato
Comunicato stampa - pdf, 895.3kB

Data di pubblicazione: 17-01-2020

Condividi:
Voci collegate

Riforma delle Camere di commercio