.:: Portale della responsabilità sociale di impresa1 ::.



Home > CSR > Comunicazione > In evidenza > Efficientamento energetico, nuovo bando per le imprese
Efficientamento energetico, nuovo bando per le imprese

E’ di prossima uscita il bando della Regione Toscana per l’efficientamento energetico degli immobili. La finalità del contributo concesso è agevolare progetti di investimento per l’efficientamento energetico degli immobili.  I beneficiari sono micro, piccole, medie imprese, grandi imprese e per la prima volta i liberi professionisti. Gli investimenti agevolabili sono progetti che conseguano una quota di risparmio energetico maggiore od uguale del 10%. I progetti devono riguardare: isolamento termico di strutture orizzontali e verticali, sostituzione di serramenti e infissi, sostituzione di impianti di climatizzazione con: impianti alimentati da caldaie a gas a condensazione; impianti alimentati da pompe di calore ad alta efficienza, sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore o a collettore solare per la produzione di acqua calda sanitaria, integrati o meno nel sistema di riscaldamento dell’immobile, sistemi intelligenti di automazione e controllo per l’illuminazione e la climatizzazione, sistemi di climatizzazione passiva (sistemi di ombreggiatura, filtraggio dell’irradiazione solare, sistemi di accumulo, serre solari, etc.), impianti di cogenerazione/trigenerazione ad alto rendimento. A completamento degli interventi indicati potranno essere attivati interventi: per la produzione di energia termica da fonti energetiche rinnovabili quali solare, aerotermica, geotermica, idrotermica senza eccedere i limiti dell’autoconsumo; per la produzione di energia elettrica da fonti energetiche rinnovabili quali solare (impianti fotovoltaici), purché finalizzati all’autoconsumo. Sono ammissibili le spese per: fornitura, installazione e posa in opera di impianti, macchinari, attrezzature e componenti necessari al progetto; opere edili ed impiantistiche correlate al progetto. L’agevolazione è concessa sotto forma di contributo a fondo perduto, (se confermate le percentuali del precedente bando) pari al 40% per la micro impresa, al 30% per la media impresa, e al 20% per la grande impresa.

Fonte: www.luccaindiretta.it