.:: Portale della responsabilità sociale di impresa1 ::.



Home > CSR > Comunicazione > In evidenza > Gavino Sini, Presidente CdC Sassari: "La chimica verde nascerà in Sardegna"
Gavino Sini, Presidente CdC Sassari: "La chimica verde nascerà in Sardegna"

La chimica sostenibile nascerà in Sardegna. Con il più grande investimento industriale in Italia, la green chemistry entra a pieno titolo nel sistema economico del territorio del Nord Sardegna. Favorevole il parere del Presidente della Camera di Commercio, Gavino Sini, che ha seguito da vicino tutto l'iter che ha portato alla chiusura dell'accordo.

“Dopo le giuste mediazioni e dopo la firma degli accordi per il decollo della chimica verde –sottolinea Sini - è il momento del lavoro e del raccordo tra tutte le istituzioni che tengono realmente al territorio per fare in modo che nel più breve tempo possibile i progetti e le idee e i piani industriali si concretizzino in impianti di produzione e quel che più conta in lavoro. Questa innovativa filiera industriale può produrre quel valore aggiunto che servirebbe a far ripartire la bilancia commerciale della nostra Sardegna, deficitaria sul fronte dell'export”.

Crescita, ma anche nascita di un nuovo modello industriale, punto di riferimento non solo in Italia, ma anche in Europa. “La nostra Isola, terra di servizi e turismo - aggiunge Sini - potrà diventare una nuova possibile terra di industria compatibile, integrata, all'avanguardia. Proprio per questo riteniamo strategico e determinante l'investimento sul centro di ricerca, la collaborazione con l'Università e le relazioni con gli altri centri di ricerca isolani. Non esiste business duraturo e sostenibile se non accompagnato da forti iniezioni di innovazione, ricerca e sviluppo”.

Il Sistema Camerale – conclude Sini – “rappresenta il sistema delle imprese è stato ed è pronto a collaborare con tutti gli enti e le istituzioni e le imprese stesse” per facilitare il percorso verso la nuova chimica verde, portando nel più breve tempo possibile “alla posa della prima pietra dei nuovi impianti e anche al primo chilogrammo di biopolimero prodotto”.
 

Fonte: CdC Sassari