.:: Unioncamere ::.



Home > Comunicazione > Comunicati Stampa > Lavoro: prosegue la ripresa con oltre 534mila assunzioni previste dalle imprese (+25% rispetto a luglio 2019)
Lavoro: prosegue la ripresa con oltre 534mila assunzioni previste dalle imprese (+25% rispetto a luglio 2019)
/uploaded/Generale/Comunicazione/Comunicati Stampa/2021/Operaio Industria.jpg

Sono oltre 534mila le opportunità di lavoro offerte dalle imprese a luglio e salgono a circa 1,3 milioni avendo come orizzonte previsionale l’intero trimestre luglio-settembre. Segnali positivi dal mondo delle imprese, con una domanda di lavoro che supera i livelli di luglio 2019 (+106mila con riferimento al mese; +658mila nel trimestre). E’ quanto mostra il Bollettino mensile del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal.

I segnali di ripresa che i più qualificati osservatori economici stanno registrando negli ultimi mesi per quanto riguarda la crescita delle esportazioni e degli investimenti, vengono confermati dalle interviste effettuate nell’ultima indagine mensile del Sistema Excelsior: le imprese nel 30,2% dei casi si attendono un incremento della produzione per il periodo luglio-settembre, mentre nel 12,8% dei casi hanno invece prospettive di riduzione. In questo quadro di ripresa economica crescono anche i flussi delle assunzioni per il mese di luglio. A trainare sono le positive performance del manifatturiero con 97mila entrate previste, in particolare, dalle industrie alimentari (24mila), dalle industrie meccatroniche (23mila), dalle industrie metallurgiche e dei prodotti in metallo (16mila) e dal chimico-farmaceutico (9mila). Ancora sotto i livelli pre-Covid è invece il comparto del tessile-abbigliamento-calzature, per quanto in netta ripresa rispetto a luglio 2020. Bene anche la domanda di lavoro delle costruzioni che si attesta sulle 40mila unità.
Le imprese dei servizi, d’altro canto, programmano 397mila assunzioni anche grazie alla ripresa del turismo che supera i livelli pre-Covid con 155mila entrate. Seguono i servizi alle persone (con 57mila entrate programmate) e i servizi operativi (46mila). Il commercio mostra timidi segnali di ripresa (con 54mila entrate) benché si collochi ancora sotto i livelli di luglio 2019 (-8,3%).

Documenti

icona allegato
Comunicato stampa - doc, 633.5kB
icona allegato
Comunicato stampa - pdf, 1.2MB

Data di pubblicazione: 09-07-2021

Condividi:

Riforma delle Camere di commercio