.:: Apprendimento, gestione, organizzazione ::.


Home > Ago > Lavoro PA > L'esperto risponde > Accesso all'impiego > Al fine di stabilire i titoli di studio richiesti per l'accesso dall'esterno in profili della categoria C, sussistono di...
Al fine di stabilire i titoli di studio richiesti per l'accesso dall'esterno in profili della categoria C, sussistono di...
Al fine di stabilire i titoli di studio richiesti per l'accesso dall'esterno in profili della categoria C, sussistono differenze tra diplomi di istruzione di secondo grado e diplomi di scuola media superiore?
Già in passato l'ordinamento professionale di alcune branche di Amministrazioni (si veda, ad es., l'All.A al D.P.R. n┬░ 347/83, per i Comuni e le Province) contemplava, per l'accesso alle ex - qualifiche V^ e VI^, rispettivamente il diploma di istruzione di secondo grado ed il diploma di scuola media superiore. E siffatta distinzione è da ritenersi alla base dell'interpretazione giurisprudenziale (si veda Cons. St., sez. V^, n┬░ 1022/97), per la quale sussiste una differenza tra l'uno e l'altro diploma. Il primo, infatti (scuola secondaria di secondo grado), ha riguardo ai titoli di studio che vengono conseguiti al termine di corsi per l'accesso ai quali è necessaria la licenza di scuola media inferiore il secondo (scuola media superiore) ha inequivoco ed esclusivo riguardo a quei diplomi che consentono l'accesso all'università. Se, dunque, in forza delle considerazioni che precedono, il diploma di istruzione di secondo grado non è da ritenere sinonimo di scuola secondaria superiore, si è dell'opinione che i titoli di studio, eventualmente contemplati in alternativa ed in deroga, quindi - ad esso per accedere alla categoria C (addetto alla segreteria di azienda, segretario d'azienda, corrispondente commerciale di lingue estere), devono considerarsi oggetto di stretta interpretazione, nel senso di non poter offrire il presupposto per interpretazioni estensive o analogiche volte ad includere ulteriori diplomi di qualifica. Gli unici tra tali ultimi diplomi riconosciuti in grado di competere, per così dire, con il titolo di studio della scuola superiore sono, dunque, quelli che, a suo tempo, furono giudicati ammissibili per l'accesso alle funzioni di concetto; tali non possono dirsi diplomi come quello di computista commerciale conseguiti in esito a corso biennale presso una scuola tecnica e riconosciuti validi per l'ammissione ai pubblici concorsi della carriera esecutiva (fino alla ex IV^ qualifica).
Data di pubblicazione 12/09/2014 00:00
Data di aggiornamento 24/06/2009 20:09