.:: Apprendimento, gestione, organizzazione ::.


Home > Ago > Lavoro PA > L'esperto risponde > Accesso all'impiego > E' possibile avere chiarimenti sulle modalità di inquadramento e sul trattamento economico da corrispondere ad un dipend...
E' possibile avere chiarimenti sulle modalità di inquadramento e sul trattamento economico da corrispondere ad un dipend...
E' possibile avere chiarimenti sulle modalità di inquadramento e sul trattamento economico da corrispondere ad un dipendente trasferito ex art.30 D.Lgs.165/2001 da ente di altro comparto ?
Anche quando non risultano direttamente applicabili gli artt.26 e ss. del CCNL del 5.10.2001, i problemi connessi all'inquadramento e al trattamento economico del personale trasferito possono essere risolti applicando, per analogia e secondo ragionevolezza, criteri analoghi a quelli contenuti nelle richiamate disposizioni. Pertanto: - per l'inquadramento giuridico si deve tener conto della categoria (del sistema di classificazione del comparto delle regioni e delle Autonomie Locali) nella quale è collocato il profilo corrispondente a quello posseduto dal dipendente; - per quello economico si deve confrontare il trattamento economico fisso e continuativo in godimento (in analogia a quanto previsto dall'art.28, comma 3 del CCNL del 5.10.2001) e quello corrispondente al "nuovo" inquadramento; in tale operazione si deve tener conto anche delle posizioni economiche di sviluppo già acquisite prima del trasferimento (sono stipendio e quindi sono fisse e continuative); se dal risultato di queste operazioni aritmetiche emerge che il trattamento economico in godimento è superiore a quello che il dipendente verrebbe a percepire per effetto del nuovo inquadramento, la differenza va conservata a titolo di RIA (art.28, comma 5 CCNL 5.10.2001) e non è riassorbibile (come sostenuto anche dall'Aran); - per quanto riguarda il trattamento economico accessorio, dalla data del trasferimento devono essere applicate esclusivamente le regole del contratto integrativo dell'Ente ricevente; di conseguenza, non possono essere garantite o conservate le voci del trattamento accessorio corrisposte dall'Ente di provenienza secondo le regole del contratto integrativo di quell'Ente.
Data di pubblicazione 12/09/2014 00:00
Data di aggiornamento 24/06/2009 20:09