.:: Apprendimento, gestione, organizzazione ::.


Home > Ago > Lavoro PA > L'esperto risponde > Trattamento economico > Dirigenti camerali designati dalla CCIAA nel consiglio di amministrazione di una società per azioni della quale la stess...
Dirigenti camerali designati dalla CCIAA nel consiglio di amministrazione di una società per azioni della quale la stess...
Dirigenti camerali designati dalla CCIAA nel consiglio di amministrazione di una societ├á per azioni della quale la stessa CCIAA ├Ę socio di maggioranza: i compensi previsti per l'incarico di consigliere, che la s.p.a. ha versato alla CCIAA in applicazione dell'art.24 del D.Lgs.165/2001, devono essere attribuiti ai dirigenti interessati secondo la disciplina dell'art.32 del CCNL del 23.1.21999 anche se la CCIA non ha ancora adeguato il proprio ordinamento ai principi codificati nel citato art.24del D.Lgs.165/2001 ? Se s├Č, devono essere destinati alla retribuzione di posizione o a quella di risultato ?
L'art.24 del D.Lgs.165/2001 stabilisce che il trattamento economico definito dai contratti collettivi nazionali di lavoro remunera tutte le funzioni ed i compiti attribuiti ai dirigenti, nonchè qualsiasi incarico ad essi conferito in ragione del loro ufficio o comunque conferito dall'amministrazione presso cui prestano servizio o su designazione della stessa; i compensi dovuti dai terzi sono corrisposti direttamente alla medesima amministrazione e confluiscono nelle risorse destinate al trattamento economico accessorio della dirigenza (cosiddetta onnicomprensività del trattamento economico). In base a tale disposizione, che, ai sensi dell'art.27 del D.Lgs.165/2001, costituisce principio generale, il CCNL per l'area della dirigenza sottoscritto il 23.12.1999 ha stabilito (art.32) che le somme acquisite dagli enti a seguito dell'adeguamento dei rispettivi ordinamenti al principio di onnicomprensività del trattamento economico dei dirigenti integrano le risorse destinate al finanziamento della retribuzione di posizione e di risultato secondo la disciplina dell'art.26 del medesimo CCNL e sono utilizzate per: a) determinare i valori economici delle funzioni dirigenziali nei limiti in cui si tratti di compensi aventi carattere di stabilità e continuità; b) incrementare la retribuzione di risultato dei dirigenti che abbiano contribuito alla loro acquisizione, quando si tratti di compensi aventi carattere episodico. I principi codificati nell'art.24, comma 3, del D.Lgs.165/2001 sono inderogabili; ne consegue che codesta amministrazione, anche e soprattutto nel proprio interesse, avrebbe dovuto adeguare tempestivamente il proprio ordinamento alla nuova disciplina; tuttavia, non essendo applicabili al caso disposizioni in contrasto con tali principi che, proprio perchè inderogabili, rendono inapplicabili tutte le disposizioni contrarie, e non essendo pensabile che i dirigenti interessati, designati dalla CCIAA consiglieri di amministrazione in una s.p.a. della quale la stessa CCIAA è socio di maggioranza, possano subire un pregiudizio per un ritardo dell'ente, siamo del parere che la soluzione migliore sia quella di dare comunque immediata applicazione al citato art.32 del CCNL del 23.12.1999. Quanto al problema di come utilizzare le somme versate dalla s.p.a., dalla vostra nota sembra si tratti di compensi aventi carattere episodico (e non carattere di continuità e stabilità) corrisposti alla scadenza di un mandato che è per sua natura temporaneo e senza garanzia di rinnovo; pertanto, siamo del parere che il relativo importo debba essere utilizzato per incrementare la retribuzione di risultato dei dirigenti interessati ai sensi dell'art.32, comma 2 lettera b) del CCNL del 23.12.1999. E' comunque necessario un previo momento di confronto con le OO.SS. ai sensi dell'art.4, comma 1 lettera g) del CCNL del 23.12.1999. Per quanto riguarda, infine, il problema degli oneri riflessi, siamo del parere che la somma versata dalla s.p.a deve considerarsi lorda: essa comprende, cioè, anche tutti gli oneri riflessi. La tesi opposta provocherebbe, infatti, un consistente ed ingiustificato aggravio degli oneri a carico del bilancio dell'ente e per tale ragione, in casi analoghi, è sempre stata ritenuta non sostenibile (si veda, ad esempio, la risposta V6.21 sul sito www.aranagenzia.it relativa alle risorse ex L.109/1994)
Data di pubblicazione 12/09/2014 00:00
Data di aggiornamento 24/06/2009 20:09