.:: Apprendimento, gestione, organizzazione ::.


Home > Ago > Lavoro PA > L'esperto risponde > Trattamento economico > Chiedo informazioni sul trattamento economico che attiene le lavoratrici che beneficiano di permessi per malattia del fi...
Chiedo informazioni sul trattamento economico che attiene le lavoratrici che beneficiano di permessi per malattia del fi...
Chiedo informazioni sul trattamento economico che attiene le lavoratrici che beneficiano di permessi per malattia del figlio nei primi tre anni di etĂ .In particolare se vengono effettuate trattenute sulla tredicesima mensilitĂ  nei primi trenta giorni interamente retribuiti come prevede il contrattodi lavoro ovvero riduzioni di ferie e quant'altro
LÂ’art.48, comma 1, del D.Lgs.151/2001 stabilisce espressamente che i periodi di congedo per malattia del figlio, che non sono retribuiti, sono computati nellÂ’anzianità di servizio esclusi gli effetti relativi alle ferie e alla tredicesima mensilità o alla gratifica natalizia. Rispetto alle previsioni di legge, lÂ’art.17, comma 6 del CCNL del 14.9.2000, rinviando espressamente al comma 5 dello stesso articolo, che disciplina il trattamento economico del congedo parentale, ha previsto un trattamento di miglior favore sia per quanto riguarda il trattamento economico dellÂ’assenza (interamente retribuita fino a un massimo di trenta giorni allÂ’anno complessivi per entrambi i genitori fino al compimento del terzo anno di vita del bambino), sia per quanto riguarda le ferie (al pari del congedo parentale, i trenta giorni allÂ’anno di congedo per malattia del figlio di cui allÂ’art.17, comma 6 del CCNL del 14.9.2000 sono utili anche ai fini della maturazione delle ferie). Il CCNL non ha previsto, però, alcun trattamento di miglior favore per quanto riguarda la tredicesima mensilità, con la conseguenza che i trenta giorni allÂ’anno di congedo per malattia del figlio di cui allÂ’art.17, comma 6 del CCNL del 14.9.2000 sono computati nellÂ’anzianità di servizio esclusi gli effetti relativi tredicesima mensilità; in assenza di una espressa deroga del CCNL deve infatti applicarsi la disciplina di legge. Il punto è stato espressamente chiarito anche dallÂ’Aran con riferimento alla disciplina del congedo parentale che, in virtù dellÂ’espresso rinvio contenuto nel citato art.17, comma 6, si applica anche ai congedi per malattia del figlio (v. risposta F29 sul sito dellÂ’Agenzia). 6. Successivamente al periodo di astensione di cui al comma 4 e fino al terzo anno, nei casi previsti dall'art.7, comma 4, della legge n.1204/1971, alle lavoratrici madri ed ai lavoratori padri sono riconosciuti trenta giorni per ciascun anno, computati complessivamente per entrambi i genitori, di assenza retribuita secondo le modalità di cui al precedente comma 5.
Data di pubblicazione 12/09/2014 00:00
Data di aggiornamento 24/06/2009 20:09