.:: Apprendimento, gestione, organizzazione ::.


Home > Ago > Lavoro PA > L'esperto risponde > Accesso all'impiego > Questa Camera di Commercio ha provveduto al calcolo degli indicatori di equilibrio previsti dal Decreto Marzano del 27 m...
Questa Camera di Commercio ha provveduto al calcolo degli indicatori di equilibrio previsti dal Decreto Marzano del 27 m...
Questa Camera di Commercio ha provveduto al calcolo degli indicatori di equilibrio previsti dal Decreto Marzano del 27 maggio 2003 in attuazione dell'art. 43 comma 11 della legge finanziaria per l'anno 2003. Dal predetto calcolo risulta la possibilità di procedere all'assunzione di una unità di personale, avendo nel contesto di riferimento provveduto al collocamento di due dipendenti. Si chiede di conoscere se è possibile procedere all'assunzione di una unità di personale di categoria protetta ai sensi della legge 68/99, pur avendone già in pianta organica una unità su ventotto dipendenti. Si chiede inoltre se nel caso ciò fosse possibile si possa procedere con la chiamata nominativa della persona da avviare al lavoro come previsto nella stessa legge 68/99. Grazie Giovanni Berardini
LÂ’e-mail è priva di diverse informazioni; tuttavia, riteniamo comunque utile fornire i seguenti elementi di valutazione, supponendo che il soggetto appartenente alle categorie protette che intendete assumere sia una unità ulteriore e aggiuntiva rispetto a quelle obbligatorie previste dalla legge 68/1999 (altrimenti non avreste avuto alcun problema, visto che le assunzioni dei disabili, nei limiti in cui queste sono obbligatorie, sono fuori dal blocco delle assunzioni): Ø Fino allÂ’emanazione del DM previsto nellÂ’art.3, comma 60, della L.350/2003, si applicano, alle CCIAA, le disposizioni del comma 53 dello stesso articolo (blocco delle assunzioni a tempo indeterminato, fatta eccezione per le figure professionali non fungibili di consistenza non superiore allÂ’unità e per le categorie protette); Ø Tale disposizione, per le nuove assunzioni, non sembra superabile: infatti, per le CCIAA è un DM a dover stabilire, in deroga al comma 53, criteri e limiti per le assunzioni a tempo indeterminato, mentre il citato comma 60 stabilisce che solo “in caso di mancata adozione dei decreti del Presidente del Consiglio dei ministri previsti dal presente comma entro il 30 giugno 2004 trovano applicazione in via provvisoria e fino all'emanazione degli stessi le disposizioni dei decreti del Presidente del Consiglio dei ministri del 12 settembre 2003, pubblicati nella Gazzetta Ufficiale n. 239 del 14 ottobre 2003”; in sostanza, le CCIAA non possono effettuare nuove assunzioni basandosi sulle previsioni del precedente DM; Ø Tuttavia quando si tratti di assunzioni “autorizzatedal precedente DM ma non ancora effettuate dallÂ’ente alla data di entrata in vigore della L.350/2003, lÂ’assunzione deve ritenersi consentita perchè il Dipartimento della Funzione Pubblica ha espresso lÂ’avviso che la previsione dellÂ’ultima parte dellÂ’art.3, comma 53 della L.350/2003 debba estendersi, per analogia, anche alle Camere di Commercio. Ø LÂ’assunzione di personale nelle pubbliche amministrazioni avviene nelle forme previste dallÂ’art.35 del D.Lgs.165/2001: per le assunzioni “obbligatorieè prevista la chiamata numerica, eccezion fatta per le particolari figure indicate nello stesso art.35, comma 2 (v. anche art.7, comma 2 L.68/1999); alle assunzioni non obbligatorie si applicano, invece, le forme previste dal comma 1 dellÂ’articolo 35 citato (procedura selettiva o avviamento degli iscritti nelle liste di collocamento, a seconda dei casi). In ogni caso, prima di avviare qualunque procedura di assunzione (compresa quella relativa alle c.d. categorie protette, come da parere Funzione Pubblica del 12.02.2004), lÂ’ente deve espletare le procedure di mobilità di cui allÂ’art.34bis del D.Lgs.165/2001.
Data di pubblicazione 12/09/2014 00:00
Data di aggiornamento 24/06/2009 20:09