.:: Apprendimento, gestione, organizzazione ::.


Home > Ago > Lavoro PA > L'esperto risponde > Accesso all'impiego > Al fine di un eventuale assunzione per mobilità e del successivo inquadramento del personale appartenente allÂ’ex Ente P...
Al fine di un eventuale assunzione per mobilità e del successivo inquadramento del personale appartenente all’ex Ente P...
Al fine di un eventuale assunzione per mobilità e del successivo inquadramento del personale appartenente all’ex Ente Poste Italiane nei ruoli di un Ente del comparto Regioni ed Autonomie Locali si chiede, oltre ai criteri già fissati dal DPCM 446/2000, che equipara la 6° qualifica del personale del comparto Regioni ed Autonomie Locali (ora C1) alla 6 qualifica del personale del comparto Ministeri (ora B3) e al Decreto del 10.7.1997 (G.U. S.Gen 02.10.1997 nr. 230) che equipara le ex posizioni dell’Amministrazione PT alle qualifiche dello Stato, di conoscere la coerenza e l’analogia fra la professionalità e la qualifica rivestita dagli ex 6° livelli dell’Ente Poste Italiane (impiegati di concetto) e la cat. C posizione economica C1 del personale del comparto Regioni ed Autonomie Locali. A tal riguardo, si fa presente che il CCNL dell’ex Ente Poste Italiane si compone di 4 aree: Area di base ( ex 2°- 3° qualifica) Area Operativa (ex 4° - 5° - 6° qualifica) Area Quadri 2 livello (ex 7° qualifica) Area Quadri 1 livello (ex 8° - 9° qualifica) Si riporta a tal riguardo la declaratoria dell’ “Area Operativa” dove sono ricompresi gli ex 4°, 5° e 6° livelli: CCNL Ex Ente Poste Italiane “Area Operativa” ex 4, 5 e 6 qualifica attività esecutive e tecniche, con conoscenze specifiche, responsabilità personali e di gruppo, con contenuti professionali di parziale o media specializzazione. Comprende i dipendenti che, impiegati direttamente nel business di base o in attività di supporto, svolgono mansioni a contatto o meno con la clientela – che presuppongono adeguata preparazione professionale con capacità di utilizzazione di strumenti semplici e complessi e che richiedono preparazione tecnico-professionale di parziale o media specializzazione capacità di autonomia operativa nei limiti dei regolamenti di esecuzione. CCNL del comparto Regioni ed Autonomie Locali del 31.03.99 – Declaratoria categoria C Attività caratterizzate da: approfondite conoscenze mono specialistiche (la base teorica di conoscenze è acquisibile con la scuola superiore) e un grado di esperienza pluriennale,con necessità di aggiornamento; contenuto di concetto con responsabilità di risultati relativi a specifici processi produttivi/amministrativi; media complessità dei problemi da affrontare basata su modelli esterni predefiniti e significativa ampiezza delle soluzioni possibili; relazioni organizzative interne anche di natura negoziale ed anche con posizioni organizzative al di fuori delle unità organizzative di appartenenza,relazioni esterne (con altre istituzioni) anche di tipo diretto. Relazioni con gli utenti di natura diretta,anche complesse,e negoziale. Si resta in attesa di un cortese, nonché sollecito riscontro al quesito in oggetto.
Se abbiamo ben compreso, il caso non riguarda un lavoratore già comandato presso la Camera di Commercio (possibile destinatario delle previsioni dellÂ’art.53, comma 10, della L.449/1997 e successive proroghe). Se è così , crediamo che il problema non sia tanto quello di stabilire se esista una coerenza tra le declaratorie di qualifica sottoposte alla nostra attenzione, quanto quello di verificare se è attualmente ipotizzabile una mobilità da “Poste Italiane s.p.a.verso una Camera di Commercio; al riguardo, crediamo che la risposta debba essere necessariamente negativa, perchè “Poste Italiane s.p.a.non figura tra gli enti destinatari del D.Lgs.165/2001, come individuati dallÂ’art.1, comma 2 dello stesso decreto, e non è dunque possibile, nella fattispecie, applicare il successivo art.30.
Data di pubblicazione 12/09/2014 00:00
Data di aggiornamento 24/06/2009 20:09