.:: Apprendimento, gestione, organizzazione ::.


Home > Ago > Lavoro PA > L'esperto risponde > Trattamento economico > Volevo chiedere se il D.L.4/7/06 sn.223 si applica alle CCIAA e se conferma il fatto che le diarie per missioni all'est...
Volevo chiedere se il D.L.4/7/06 sn.223 si applica alle CCIAA e se conferma il fatto che le diarie per missioni all'est...
Volevo chiedere se il D.L.4/7/06 sn.223 si applica alle CCIAA e se conferma il fatto che le diarie per missioni all'estero non sono state soppresse dopo la finanziaria 2006.
Le modifiche delle norme sull'indennità di trasferta, in termini di deroghe o abrogazioni, hanno interessato solo marginalmente le missioni all'estero, che quindi dal 1° gennaio 2006 potevano continuare ad essere indennizzate secondo quando previsto dai CCNL di riferimento (si vedano anche le indicazioni diramate dalla RGS con circolare n.4457 dellÂ’11.1.2006). Nel caso delle Camere di commercio, la base di calcolo dellÂ’indennità di trasferta allÂ’estero è sempre rappresentata, così come espressamente previsto dal CCNL, dallÂ’indennità di trasferta in Italia (ancorchè ora non più corrisposta), mentre è da escludere la possibilità di riconoscere al personale Camerale in trasferta allÂ’estero le indennità supplementari abrogate dalla legge finanziaria. Ora, trasferito questo ragionamento sullÂ’art.28 del DL 223/2006 (nel testo confermato dalla legge di conversione), la conclusione dovrebbe essere la stessa (nel senso della sostanziale permanenza, salvi gli aggiustamenti già indicati, della disciplina contrattuale); peraltro, la dizione generale della norma (nel senso della sua applicazione a tutte le P.A. dell'art.1, comma 2 del D.Lgs.165/2001) lascerebbe pensare che qualcosa debba essere fatto anche dalle Camere di Commercio: la cautela, in questa fase, in attesa dei necessari chiarimenti, potrebbe essere quella di erogare l'indennità nella misura spettante in base al CCNL ridotta della percentuale indicata nella norma di legge in esame (salvo successivo conguaglio): in sostanza, prima si calcola lÂ’indennità di trasferta allÂ’estero spettante secondo le previsioni contrattuali e poi la si riduce del 20% così come previsto dal DL223/2006 ora convertito; naturalmente, è sempre esclusa la possibilità di riconoscere al personale Camerale in trasferta allÂ’estero le indennità supplementari espressamente abrogate dalla legge finanziaria.
Data di pubblicazione 12/09/2014 00:00
Data di aggiornamento 24/06/2009 20:10