.:: Apprendimento, gestione, organizzazione ::.


Home > Ago > Lavoro PA > L'esperto risponde > Trattamento economico > La Legge 133/08 allÂ’art. 71 comma 1 prevede che “resta fermo il trattamento più favorevole eventualmente previsto dai co...
La Legge 133/08 all’art. 71 comma 1 prevede che “resta fermo il trattamento più favorevole eventualmente previsto dai co...
La Legge 133/08 all’art. 71 comma 1 prevede che “resta fermo il trattamento più favorevole eventualmente previsto dai contratti collettivi o dalle specifiche normative di settore per le assenze per malattia dovute ad infortunio sul lavoro o a causa di servizio, oppure a ricovero ospedaliero o a day hospital, nonchè per le assenze relative a patologie gravi che richiedano terapie salvavita”. Il dubbio che resta dopo la lettura dell'art 71 sopra citato, con l'art 10 del C.C.N.L. 14.9.2000 (personale non dirigente) e con l'art art 9 del C.C.N.L del 12.2.2002 (pers. dirigente), è il seguente: 1. Si devono considerare escluse dal concetto di malattia (e quindi non devono subire decurtazioni) tutti i casi di assenza per "infortunio sul lavoro o a causa di servizio, oppure a ricovero ospedaliero o a day hospital, nonchè per le assenze relative a patologie gravi che richiedano terapie salvavita oppure, in particolare per il Comparto Regioni-Autonomie locali, solo le assenze previste dall'art 10 del CCNL 14.9.2000 che integra l'art 21 del C.C.N.L. 6.7.1995 cioè "in caso di patologie gravi che richiedono terapie salvavita ed altre assimilabili come ad esempio la chemioterapia l'emodialisi ......... sono esclusi dal computo dei giorni di assenza i "relativi" giorni di ricovero ospedaliero o di day-hospital ed i giorni di assenza dovuti alle citate terapie........ 2. Nello specifico "le decurtazioni per day hospital o ricovero ospedaliero" non sono da effettuarsi oppure non sono da effettuarsi esclusivamente se collegate alle casistiche di cui al citato art. 10 del C.C.N.L 14.9.2000?
Per quanto riguarda il problema da voi evidenziato, a nostro avviso, e fatte salve successive pronunce dei Ministeri competenti, la lettera della legge è sufficientemente chiara: devono essere escluse dalla decurtazione prevista dallÂ’art.71, comma 1 del DL112/2008 tutte le assenze per malattia “dovute ad infortunio sul lavoro o a causa di servizio, oppure a ricovero ospedaliero o a day hospitalanche se non collegate a patologie gravi che richiedano terapie salvavita; se così non fosse, non si capirebbe come mai il legislatore, per riferirsi a queste ultime patologie, salvaguardate a loro volta, abbia utilizzato lÂ’espressione “ Â… nonchè per le assenze relative a patologie gravi che richiedano terapie salvavita(espressione che puòavere solo il significato di “ Â… e inoltre per le assenze relative a patologie gravi che richiedano terapie salvavita). Quanto alla individuazione del miglior trattamento contrattuale, si rinvia allÂ’art.22 del CCNL del 6.7.1995 e successive modifiche (infortunio, causa di servizio) e allÂ’art.21, comma 7 lettera a) dello stesso CCNL (day hospital o altro ricovero ospedaliero), con lÂ’avvertenza che, in questÂ’ultimo caso, sembra doversi escludere la salvaguardia del miglior trattamento stabilito dalla predetta clausola contrattuale anche per i giorni di convalescenza post ricovero (la legge si riferisce, infatti, al solo “ricovero”). Cogliamo lÂ’occasione per ricordare, infine, che la salvaguardia del miglior trattamento contrattuale stabilito dal CCNL del 14.9.2000 per il diverso caso delle assenze per patologie gravi che richiedano terapie salvavita, secondo il ben noto orientamento formulato dallÂ’Aran nella risposta 795-21D2 non riguarda “ Â… i periodi di Â… ulteriore assenza, anche se imputabili a convalescenza post-ospedaliera, ove manchi la particolare giustificazione della necessità di sottoporsi durante gli stessi a terapie salvavita …”.
Data di pubblicazione 12/09/2014 00:00
Data di aggiornamento 24/06/2009 20:10