.:: Apprendimento, gestione, organizzazione ::.


Home > Ago > Lavoro PA > L'esperto risponde > Trattamento economico > Trattamento economico
Trattamento economico
  Nel caso di aspettativa retribuita per la frequenza di un corso di dottorato di ricerca senza borsa, ai sensi dell'art. 52, comma 57 della legge n. 488/2001, il dipendente pubblico conserva il trattamento economico in godimento. Cosa intende il legislatore per trattamento economico in godimento, atteso che lo stesso è costituito da retribuzione fissa e variabile? Nel caso di specie, il dipendente avrà diritto a percepire, oltre che la retribuzione fondamentale, anche l'indennità di responsabilità (prevista dal ccnl enti locali per i dipendenti che svolgono determinate funzioni) che percepiva prima di essere posto in congedo straordinario? grazie  
  La formulazione della norma da voi richiamata (art.52, comma 57 L.448/2001) è talmente generica da poter essere riferita a qualsiasi emolumento, sia di natura fondamentale che di natura accessoria. Tuttavia, tenendo conto anche del consolidato orientamento dell’Aran (v. risposta 900-12A2), sembra corretto ritenere che quando la legge parla di “trattamento economico in godimento non voglia riferirsi né agli emolumenti che possono essere erogati solo a seguito di valutazione delle prestazioni e dei risultati (e, quindi, solo a seguito dell’accertamento di risultati effettivamente conseguiti, come i compensi di produttività o la  retribuzione di risultato dei responsabili di P.O.) né agli emolumenti che presuppongono prestazioni di servizio effettivamente rese (ad esempio, lavoro straordinario, indennità di turno). Pertanto, ai fini che qui interessano, fanno parte del “trattamento economico in godimento solo gli emolumenti che non abbiano le caratteristiche sopra indicate.  
Data di pubblicazione 12/09/2014 00:00
Data di aggiornamento 05/01/2011 13:08