.:: Apprendimento, gestione, organizzazione ::.


Home > Ago > Lavoro PA > L'esperto risponde > Trattamento economico > Trattenuta su personale in regime di TFR
Trattenuta su personale in regime di TFR
Perchè il personale assunto da gennaio 2001 in TFR continua ad avere la trattenuta del 2,5 come chi è in TFS? Si ringrazia per la cortese risposta
Abbiamo l’impressione che ci sia un equivoco: l’applicazione della disciplina del TFR, secondo le regole del Codice civile, comporta che i re­lativi oneri debbano essere assunti a carico esclusivo del datore di lavoro; di conseguenza, la rivalsa a carico del dipendente pari al 2,50%(applicata, peraltro, al solo personale iscritto alle gestioni Inpdap) non è più applicabile né al personale assunto a decorrere dall’1.1.2001 né al personale assunto in regime di TFS che opti per il passaggio al TFR. Quanto sopra trova puntuale conferma nelle espresse previsioni dell’art.6 del CCNQ del 29.7.1999 e dell’art.1 delDPCM 20.12.1999 (di attuazione della L.335/1995) che hanno modificato la previgente regolamentazione della indennità di fine servizio sopprimendo la citata rivalsa del 2.5%. L’eliminazione del contributo non determina, in ogni caso, effetti sulla retribuzione impo­nibile ai fini Irpef. Dovendo essere assicurata, infatti, la invarianza dellaretribuzione com­plessiva nettae di quella utile ai fini previdenziali, la retribuzione lorda viene ridefìnita attra­verso una riduzione per un ammontare pari al contributo eliminato e una contestuale ste­rilizzazione della decurtazione mediante un corrispondente incremento figurativo ai fini previdenziali, ad ogni fine contrattuale nonché per la determinazione della massa salariale utile per i rinnovi dei contratti collettivi di lavoro (v. art.6 CCNQ e art.1 DPCM citati).

Voci collegate

TFR
Data di pubblicazione 12/09/2014 00:00
Data di aggiornamento 01/03/2013 11:56