.:: Apprendimento, gestione, organizzazione ::.


Home > Ago > Lavoro PA > L'esperto risponde > Accesso all'impiego > Esperto risponde - Mobilità per interscambio
Esperto risponde - Mobilità per interscambio

QUESITO

Sono un lavoratore appartenente alle categorie protette e ho trovato un altro lavoratore normodotato interessato all'interscambio. I profili sono identici. L'unica difficoltà si presenta per la mia amministrazione in quanto io faccio parte della riserva delle categorie protette e per questo motivo ci sono dei tentennamenti nel concedermi il nulla osta. Mi sapete indicare cosa dice la normativa in materia? Ci sono dei precedenti che possono aiutarmi? Grazie!

RISPOSTA

L'art. 7 del D.P.C.M. n. 325 del 5 agosto 1988 prevede la possibilità di uno scambio di dipendenti della p.a., anche di diverso comparto, purchè esista l'accordo delle amministrazioni di appartenenza ed entrambi i dipendenti posseggano un corrispondente profilo professionale, ovvero svolgano le medesime mansioni. Anche in caso di identico mansionario e di identico comparto, è sempre necessario il nullaosta da parte dell'amministrazione di appartenenza.
Si sottolinea, inoltre, che in questo caso, a differenza della mobilità volontaria, la normativa indica non solo una parità di qualifica, ma anche di profilo professionale.

L'assenso dell'amministrazione di appartenenza è quindi indispensabile per la procedibilità dello scambio; se per l'ente la cessione del suo contratto rappresenta una non convenienza (scopertura della quota d'obbligo riservata ex l. 68/99), l'ente ha titolo per non concedere il nullaosta nel perdurare di tale situazione.

Data di pubblicazione 05/11/2015 13:47
Data di aggiornamento 05/11/2015 13:54