.:: Portale della responsabilità sociale di impresa1 ::.



Home > CSR > > > Green Know-how Community: progetto per le attività «verdi»
Green Know-how Community: progetto per le attività «verdi»

L’iniziativa Green know-how community è una nuova azione dell’Accordo di Programma per lo sviluppo economico e la competitività del sistema lombardo, il principale strumento d’azione, sottoscritto tra la Regione e il Sistema camerale lombardo nel 2006 e via via aggiornato, per la condivisione di progettualità e risorse per la realizzazione integrata di interventi per lo sviluppo economico sociale ambientale del territorio lombardo.

L’assessorato all’Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile della Regione Lombardia e Unioncamere Lombardia hanno concordato, nell’ambito dell’Asse 2 “Attrattività e competitività dei territori” di promuovere un’iniziativa comune per creare una collaborazione strutturata e continuativa fra imprese, professionisti, centri di ricerca pubblici e privati che in Lombardia si occupano di ambiente, sviluppo sostenibile ed ecoinnovazione.
L’obiettivo è di assicurare nuove opportunità di business e di sviluppo per le imprese che nella sostenibilità possono trovare un asset per la crescita. In particolare l’attività consisterà nel: supportare e assistere, in collaborazione con le associazioni imprenditoriali, le nuove imprese e le nuove attività professionali orientate allo sviluppo sostenibile e attrarre investimenti, anche stranieri, in Lombardia; attivare iniziative per facilitare il trasferimento di conoscenze scientifiche e tecnologiche dalle Università e dal mondo della ricerca al tessuto delle imprese, in particolare alle Pmi; facilitare la realizzazione di iniziative e progetti dei diversi attori lombardi in tema di ambiente e sviluppo sostenibile; generare, mediante la cooperazione tra gli attori, una “massa critica” sufficiente per partecipare ai bandi e ai tender europei e nazionali sul tema. Il quadro delle iniziative sulla Green Economy è sicuramente già ampio e articolato in una regione dinamica come la Lombardia, l’idea non è quella di aggiungere un’ulteriore azione quanto piuttosto di fare sistema per, da un lato, valorizzare le esperienze esistenti e, dall’altro, rafforzarle grazie ad una maggiore apertura verso le Pmi e verso lo scambio di esperienze e conoscenze con il mondo della ricerca sia a livello nazionale che internazionale. Da questo punto di vista, si ritengono di particolare interesse le opportunità fornite dalla nuova programmazione comunitaria 2014-2020 che fa dell’innovazione e della cooperazione degli assi portanti dello sviluppo e della crescita. Per questo motivo, la Regione Lombardia e il Sistema camerale lombardo mettono a disposizione risorse finanziarie (150.000 euro in questa prima fase 2014-2015) e umane per accompagnare la costruzione di reti e di idee progettuali su temi condivisi.

 

Fonte: Unioncamere Lombardia