.:: Portale della responsabilità sociale di impresa1 ::.



Home > CSR > Comunicazione > In evidenza > Programma "MeetYoungCities". Contributo a fondo perduto fino all'80% per la partecipazione dei giovani all'innovazione sociale
Programma "MeetYoungCities". Contributo a fondo perduto fino all'80% per la partecipazione dei giovani all'innovazione sociale

AREA GEOGRAFICA: Italia
SETTORI DI ATTIVITÀ: Pubblico, Servizi/No Profit
BENEFICIARI: Associazioni/Onlus/Consorzi, Ente pubblico
SPESE FINANZIATE: Consulenze/Servizi
TIPO DI AGEVOLAZIONE: Contributo a fondo perduto
DOTAZIONE FINANZIARIA: € 1.000.000
BANDO APERTO | Scadenza il 01/12/2014

L’Agenzia Nazionale per i Giovani, l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani e la Fondazione Istituto per la Finanza Locale hanno stipulato una Convenzione al fine di promuovere il Programma di Azione denominato “MeetYoungCities: Social innovation e partecipazione per i giovani dei Comuni italiani”.
Il Programma di azione MYC prevede, tra le finalità generali, anche quella di facilitare, attraverso un utilizzo mirato delle tecnologie digitali, meccanismi di inclusione e partecipazione dei giovani – con particolare riferimento a quelli appartenenti a categorie che, in termini sociali, economici o fisici, soffrono condizioni di minor opportunità – coinvolgendoli nell’identificazione e programmazione di spazi, servizi e interventi a valore aggiunto in ambito cittadino, ispirandosi al principio dell’innovazione sociale.
Le aree d’intervento e relative azioni esemplificative delle proposte progettuali che possono essere ammesse a finanziamento sono:

  • Welfare: nuove modalità di erogazione di servizi individuali, coinvolgimento dei beneficiari nei processi di erogazione delle prestazioni, interventi mirati all’inclusione di categorie di cittadini svantaggiati, ampliamento della platea dei beneficiari mediante l’utilizzo di tecnologie digitali, nuovi modelli di housing sociale ecc.
  • Spazi e beni pubblici: spazi di co-working e fab-lab ospitati all’interno di immobili pubblici, nuove destinazioni d’uso collettivo di beni comuni, innovazioni nelle modalità di gestione degli spazi, ecc.
  • Mobilità collettiva e individuale: condivisione di mezzi di trasporto, riorientamento dell’offerta di trasporto pubblico locale, nuove condizioni di mobilità per particolari categorie di cittadini, ecc.
  • Cultura e turismo: aumento e diversificazione dell’offerta turistico-culturale, supporto alla creatività giovanile, riqualificazione di attrattori culturali locali, azioni innovative di marketing territoriale, ecc.
  • Sostenibilità ambientale: interventi mirati alla riduzione della produzione di rifiuti, azioni di salvaguardia del territorio, monitoraggio ambientale partecipato, educazione e sensibilizzazione ambientale, ecc.

Soggetti beneficiari
La domanda di partecipazione alla presente procedura può essere presentata da partenariati aventi quale soggetto capofila un Comune o Unione di Comuni che, alla data del 30 ottobre 2014, risulti iscritto/a in qualità di Promotore all’Osservatorio ANCI sulla Smart City3.
I Comuni e le Unioni di Comuni proponenti devono presentare proposte progettuali in partenariato con associazioni, in particolare quelle giovanili, e/o con privati operanti nei settori di intervento progettuale, con particolare riferimento alle imprese sociali, e/o con altri partners pubblici ad esclusione dei Comuni/Unioni di comuni, assumendo la veste di Capofila.
Tipologia di progetti ammissibili
L'obiettivo è quello di attivare iniziative territoriali di coinvolgimento dei giovani nel co-design di spazi e servizi e in dinamiche virtuose di integrazione e inclusione sociale, anche al fine di modellizzare interventi da replicare in futuro in altre realtà. In particolare, verranno finanziate iniziative mirate a:

  • progettare servizi – relativi al welfare, alla cultura, alla mobilità, all’ambiente– attualmente non disponibili o erogati in forma inefficiente e specificamente rivolti ai giovani dai 16 ai 35 anni;
  • mettere a disposizione spazi e beni comuni, con particolare attenzione alla loro possibile funzione di contaminazione creativa fra diverse professionalità e talenti, anche al fine di facilitare lo start up di microiniziative imprenditoriali;
  • facilitare, in ottica di inclusione, l’accesso ai servizi da parte di categorie di popolazione giovanile svantaggiate e l’integrazione delle stesse nella vita cittadina.

Le proposte progettuali dovranno:

  • essere presentate da partenariati aventi quale soggetto capofila un Comune o Unione di Comuni iscritto, in qualità di Promotore, all’Osservatorio ANCI sulla Smart City e quali partners associazioni, con particolare riferimento a quelle giovanili, e/o privati operanti nei settori di intervento progettuale, con particolare riferimento alle imprese sociali, e/o altri partners pubblici ad esclusione dei Comuni/Unioni di Comuni;
  • avere come principali attuatori e beneficiari giovani di età compresa fra i 16 e 35 anni, in forma singola o associata;
  • prevedere un cofinanziamento del Comune /Unione di Comuni capofila e/o dei propri partners in misura non inferiore al 20% del costo totale del progetto. Tale quota potrà essere garantita anche dal costo del personale dipendente impiegato per lo svolgimento delle attività progettuali;
  • prevedere la conclusione delle attività, entro il 31 dicembre 2015;

descrivere le seguenti tre macro-fasi:

  • lo svolgimento di un percorso di partecipazione rivolto a giovani under 35, da coinvolgere in forma singola o associata, mirato a individuare possibili soluzioni a una o più specifiche aree-problema di ambito cittadino;
  • le modalità di definizione del piano esecutivo dell’intervento, da realizzarsi tramite un processo di co-progettazione conseguente alle scelte di indirizzo individuate mediante il processo di partecipazione;
  • le modalità di avvio delle attività, così come definite nel piano esecutivo.

Entità e forma dell'agevolazione
L’ammontare delle risorse destinate alla presente procedura è di € 1.000.000,00 da ripartire tra i diversi progetti beneficiari del contributo.
Indipendentemente dal costo complessivo di ogni singolo progetto il contributo richiesto dai Comuni/Unioni di Comuni proponenti non potrà essere superiore ad € 125.000,00.
La quota di cofinanziamento locale garantita dai Comuni/Unioni di Comuni proponenti e/o dai partners per la realizzazione delle attività non può essere inferiore al 20% del valore complessivo del singolo progetto (esempio: in caso di costo complessivo di progetto pari ad € 120.000,00, il cofinanziamento locale dovrà essere almeno di € 24.000,00).

Scadenza
Le domande di aiuto dovranno pervenire entro le ore 24 del 1 dicembre 2014. 

Fonte: Contributi Europa