.:: Portale della responsabilità sociale di impresa1 ::.



Home > CSR > Comunicazione > In evidenza > Le migliori idee di impresa 'etiche' premiate all'Università di Siena
Le migliori idee di impresa 'etiche' premiate all'Università di Siena

Sono stati premiati, all'Università di Siena, gli studenti che al termine del laboratorio didattico 'Idee di impresa etica e sociale' hanno presentato il miglior progetto imprenditoriale. Il Premio Banca Etica rappresenta la fase conclusiva del progetto di didattica laboratoriale Ideas (Incontri e dibattiti di economia, ambiente e sviluppo), organizzato dal corso di laurea magistrale in Economia dell'ambiente e dello sviluppo dell'ateneo senese, in collaborazione con Banca Popolare Etica e coordinato da Salvatore Bimonte.

Il progetto ha impegnato gli studenti del corso di laurea dal mese di febbraio scorso con incontri, lezioni e seminari, sperimentando modalità partecipative di insegnamento. Gli studenti migliori sono stati premiati da Banca Etica con un assegno di 500 euro. La premiazione è avvenuta alla presenza del rettore dell'ateneo senese, Angelo Riccaboni, e del presidente di Banca Etica, Ugo Biggeri.

"Lo scopo del laboratorio didattico - ha spiegato Bimonte - è quello di avvicinare gli studenti a temi complessi in modo partecipato, cercando di stimolare la loro capacità di progettazione. Gli studenti coinvolti, infatti, sulla base delle conoscenze acquisite nel corso di laurea e degli spunti forniti nei diversi incontri organizzati, hanno elaborato un vero e proprio progetto imprenditoriale e simulato il processo di richiesta di finanziamento alla banca, evidenziando, oltre agli aspetti strettamente economico-finanziari del piano di investimento, il contributo innovativo dell'idea e la rilevanza etica".

Per alcuni mesi gli studenti hanno, infatti, partecipato a incontri e seminari con professionisti ed esperti del mondo della finanza e della banca, approfondendo, non solo in forma teorica, ma soprattutto pratica, le modalità per costruire un business plan efficace, il funzionamento della Banca Etica e la doppia valutazione, economico- finanziaria e socio-ambientale, dei progetti da finanziare, con esempi concreti e testimonianze di realtà che hanno ottenuto il finanziamento.

"La scelta della modalità didattica del laboratorio - ha concluso Bimonte - è stata vincente e ha raccolto il coinvolgimento e la partecipazione attiva dei nostri studenti. Insegnare concretamente come costruire un progetto attraverso la simulazione di tutte le fasi, che vanno dall'idea alla valutazione, ha permesso di avvicinare i ragazzi praticamente ai meccanismi che regolano il mondo bancario e il finanziamento delle idee di impresa, sperimentando sul campo passo dopo passo tutte le procedure necessarie per sviluppare e realizzare un piano vincente".

I progetti vincitori sono: Global wOrming (di Rube Vezzoni, Fabio Fiorucci e Valerio Galli), per la realizzazione di un impianto di lombricoltura per lo smaltimento di rifiuti e produzione di fertilizzante biologico in Maremma; L'antico frutteto (di Chiara Curina e Giulia Ceccoli), per il recupero dell'agrobiodiversità e la riscoperta dei sapori della tradizione e dei valori legati alla terra, attraverso la creazione di un frutteto biologico, la vendita del prodotto fresco a km 0, la produzione di confetture e attività di coinvolgimento diretto della comunità locale.

Gli altri progetti presentati sono: Messor (di Andrea Di Caro, Domenico Garofalo, Mauro Porcu e Michele Fucci), una App per la messa in rete e la cooperazione dei produttori bio e di prossimità, che mira a creare un 'mercato' avvicinando domanda e offerta in un contesto locale; Cogli la stagione (di Mariateresa Sabetta e Elena Greco), progetto con il duplice obiettivo di rivalorizzare i terreni ormai incolti ma pur sempre fertili e recuperare l'azienda commissariata Cantina Sociale, nel comune di San Lorenzo, affinché i macchinari e le tradizioni contadine custodite al suo interno possano ritornare ad essere di proprietà della cooperativa e quindi della collettività.

E infine Il Galateo del Mincio (di Michela Papotti e Giulia Goffetti), progetto di recupero e valorizzazione dell'area naturale delle Valli del Mincio abbinato a un percorso di educazione ambientale; attraverso il coinvolgimento di varie realtà locali (pubblico/private), ha anche l'obiettivo di utilizzare l'ambiente quale strumento per il reintegro all'interno della società dei ragazzi ospiti di un ex ospedale psichiatrico. 

Fonte: adnkronos.com