.:: Portale della responsabilità sociale di impresa1 ::.



Home > CSR > Comunicazione > In evidenza > Energia rinnovabile, i nuovi incentivi statali "Rinnovabili, cambiano gli incentivi: tutte le novità"
Energia rinnovabile, i nuovi incentivi statali "Rinnovabili, cambiano gli incentivi: tutte le novità"

 

Cambiano gli incentivi per sostenere la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, fotovoltaico escluso. Resta invariata solo la cifra che il Governo intende stanziare per promuovere la sostenibilità: 5,8 miliardi di euro all'anno. Tutte le novità nella bozza di decreto pubblicata sul sito del ministero dello Sviluppo economico e approvata anche dal ministero dell'Ambiente che passa ora sotto la lente d'ingrandimento dell'Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico e alla Conferenza unificata per acquisire i relativi pareri.

Come ottenere gli incentivi
Si può fare richiesta, fino a quando la somma messa a disposizione non si sarà esaurita o fino al 1 dicembre 2016, e accedere direttamente agli incentivi per gli impianti eolici e alimentati dalla fonte oceanica di potenza fino a 60 kW; gli impianti idroelettrici di potenza nominale di concessione fino a 50 kW, la cui soglia è elevata a 250 kW; gli impianti alimentati a biomassa fino a 200 kW di potenza e gli impianti alimentati a biogas di potenza fino a 100 kW.

Rientrano negli incentivi anche gli interventi di potenziamento se la differenza tra il valore della potenza prima e dopo l’intervento non supera la soglia di 5 Mw; gli impianti realizzati con procedure ad evidenza pubblica da amministrazioni e Consorzi di Bonifica, aventi potenza fino al doppio del livello massimo ovvero 5 Mw; gli impianti solari termodinamici di potenza fino a 100 kW.

E' invece necessario iscriversi negli appositi registri o partecipare alle aste nel caso di impianti che superino la soglia di 5 Mw.

Energia rinnovabile, i nuovi incentivi statali
La bozza di decreto

 

Fonte: www.today.it