.:: Portale della responsabilità sociale di impresa1 ::.



Home > CSR > Comunicazione > In evidenza > Allarme smog: le soluzioni per l'efficientamento energetico
Allarme smog: le soluzioni per l'efficientamento energetico

«La pubblica amministrazione auspica che questo convegno sia l'occasione per creare sinergie fra gli amministratori condominiali, allo scopo di proporre ristrutturazioni ed efficientamenti energetici (per gruppi di edifici) economicamente vantaggiosi e appetibili per i condòmini. Il Comune è ben disponibile a favorire queste sinergie.»
Sono le parole dell’Assessore alle Politiche Ambientali e Progetti Europei del Comune di Trento Marika Ferrari che questa mattina ha aperto il convegno «Condomini con impianto di riscaldamento centralizzato: è possibile riqualificare a norma e in qualità», sottolineando come le istituzioni stesse siano con i cittadini in prima linea nella lotta all’inquinamento ricercando soluzioni concrete e definitive.
E proprio questa è la mission di ECOndominio® - ESCo specializzata nella promozione e diffusione della cultura dell’efficienza energetica in condominio - promotrice dell’incontro rivolto agli amministratori condominiali di Trento con il patrocinio del Comune di Trento e la collaborazione di Anaci Trento e Volksbank.

Da 3 anni al fianco delle istituzioni locali, ECOndominio® punta ad abbattere le emissioni inquinanti provocate dal riscaldamento residenziale - specialmente quello dei condomini centralizzati, - seconda causa di inquinamento urbano dopo i trasporti.
Un’attività che svolge non solo attraverso campagne di informazione presso gli amministratori condominiali e i cittadini, ma anche sostenendo il processo di diagnosi e fornendo soluzioni di interventi efficaci e qualificati a norma di legge e senza spese per i condòmini.
L’intervento previsto a seguito della diagnosi viene infatti interamente ripagato attraverso gli sgravi fiscali (65% di rimborso entro il 31 dicembre 2016), sommati al Risparmio Energetico certo e garantito dal Contratto di Rendimento Energetico (EPC) abbinato al Finanziamento Tramite Terzi (FTT).
Sono circa 7mila i condomìni a Trento e la maggior parte di questi con riscaldamento centralizzato. Per poter fare un intervento di efficientamento è necessario prima effettuare una diagnosi energetica.
Ad oggi, grazie ad ECOndominio® sono state già abbattute 73,4 tonnellate di CO2 e il dato potrebbe facilmente raddoppiare arrivando a 165 tonnellate se tutti i condomìni già diagnosticati (22 in altrettanti condomìni energivori del Trentino) facessero l’intervento di efficientamento a loro indicato dai risultati della diagnosi.

Con la nuova Campagna di Diagnosi Energetica Gratuita avviata oggi in sede di convegno altre 100 diagnosi sono a disposizione dei condomìni più energivori di Trento (richiesta a diagnosienergetica@econdominio.eu).
Se tutte si tramutassero in interventi, si potrebbe ridurre di ben 1.470 tonnellate la CO2 nell’ambiente del capoluogo trentino con un risparmio medio in bolletta per ogni stabile condominiale di 10.300 euro.
Sono questi alcuni dei dati emersi nel corso del convegno a cui hanno partecipato una cinquantina di amministratori condominiali di Trento.
Oltre all’assessore Ferrari, erano presenti Gilberto Magnani, Presidente Provinciale ANACI Trento, Paolo Saveriano, Vice Presidente ANACI Trento, Stefano Capitanio, Responsabile Area di Trento Città di Volksbank e e gli esperti di ECOndominio® Fabrizio Ferrari e Christian Bersani, moderati da Saverio Fossati, giornalista esperto in materia condominiale.
«I Paesi del mondo hanno sottoscritto un impegno alla COP21 secondo cui il riscaldamento globale deve essere mantenuto “ben al di sotto dei 2°C” con lo sforzo di arrivare a 1,5°C; l’Europa ha inoltre imposto degli obblighi molto chiari in materia di efficienza energetica (direttiva sulla prestazione energetica nell’edilizia, la 2010/31/UE, e quella sull’efficienza energetica, la 2012/27/UE).
«È dunque necessario e più che mai urgente – dichiara Fabrizio Ferrari di ECOndominio® – intervenire con azioni risolutive a lungo termine, partendo proprio dai condomìni, seconda fonte di inquinamento in città.»

Una recente monografia pubblicata da RSE Spa (Ricerca sul Sistema Energetico) mette in evidenza le ragioni per le quali, nonostante l’impegno delle istituzioni e il fatto che l’Italia sia il Paese con il più elevato livello di detrazioni fiscali in Europa - del 65% ancora fino a dicembre 2016 - l’efficienza energetica produca ancora pochi punti di PIL, vale a dire, si efficienta ancora troppo poco.
Tra le barriere che maggiormente impediscono la realizzazione di interventi di efficientamento energetico ci sono 1) la mancanza di informazioni presso il cittadino (che, seppur sensibile al tema della spesa per il riscaldamento non è realmente consapevole delle azioni che possono essere intraprese), 2) il mancato coinvolgimento di soggetti finanziari che consentano gli investimenti e 3) il processo decisionale, che potrebbe essere favorito da un aggregatore che metta a disposizione degli utenti un «pacchetto chiavi in mano».

L’unico modo per capire come effettuare i corretti interventi sugli edifici ancora da riqualificare è realizzare una Diagnosi Energetica preventiva (resasi obbligatoria per legge con D.Lgs 102/2014 per tutti gli stabili condominiali d’Italia se si devono installare sistemi di contabilizzazione del calore entro il 31 dicembre 2016) – come quelle promosse da ECOndominio® con la «Campagna di Diagnosi Energetica Gratuita per i condomìni centralizzati», patrocinata dalle istituzioni e oggi già attiva in 39 province di 7 regioni Anche in merito al secondo ostacolo ECOndominio® ha pronta una soluzione: il Contratto di Rendimento Energetico (EPC) abbinato a un Finanziamento Tramite Terzi (FTT) che consente al singolo Condòmino di usufruire di grandi benefici senza aumento di costi, ma anzi con la certezza che andranno a diminuire al termine degli ammortamenti.
Il Contratto EPC è una formula contrattuale europea, recepita in Italia dal 2008 e realizzabile solo dalle ESCo, che permette al Condominio di effettuare il pagamento dilazionato nel tempo in funzione dell’ottenuto risparmio energetico, con immediati risultati di abbattimento della spesa energetica, preventivati a priori e garantiti per 10 anni, tutelando al massimo i condòmini poiché l’opera di efficientamento viene pagata SOLO tramite il risparmio conseguito, senza alcun esborso di denaro.

ECOndominio® è in grado dunque di proporre ai condòmini un «progetto a 360°», abbattendo così anche la terza barriera decisionale: ECOndominio® segue tutte le fasi dell’intervento partendo dall’audit energetico fino al contratto EPC che viene proposto insieme con «Mutuo Condominio», la speciale formula di finanziamento decennale alCondominio istituita in esclusiva con Volksbank e riservata agli interventi di Efficientamento Energetico, identificati tramite Diagnosi. Si tratta di un prodotto finanziario rivolto al condominio (e non ai condòmini), copre il 100% dell'importo lavori (senza limiti di spesa per unità immobiliare) e non prevede interessi a carico del condominio né firme dei Condómini.

GLI STEP DELLA DIAGNOSI
- iscrizione del condominio alla Campagna Istituzionale di Diagnosi Energetica Gratuita, scrivendo a diagnosienergetica@econdominio.eu;
- raccolta dei dati di consumo storici;
- realizzazione del sopralluogo tecnico;
- redazione della Diagnosi Energetica dei condominio;
- presentazione della stessa in sede di assemblea condominiale (ad opera di un tecnico esperto che affianca l’amministratore condominiale);

Contestualmente alla presentazione della Diagnosi, in fase di assemblea condominiale, i condòmini potranno valutare costi/benefici e piano di ammortamento dell’intervento di efficientamento individuato attraverso la diagnosi energetica preventiva e l’opportunità di realizzarlo senza affrontare alcun ulteriore esborso (grazie Contratto di Rendimento Energetico, unito al Finanziamento CreditPiù Tasso Zero e alle detrazioni fiscali).
La Campagna Istituzionale di Diagnosi Energetica si rivolge in primo luogo ai condomìni più energivori, ossia:
- realizzati prima del 1990;
- con almeno 12 unità abitative e impianto di riscaldamento centralizzato;
- una spesa media annua uguale o superiore a 1.200 €/anno per appartamento;
- che non abbiano subìto recenti interventi di efficientamento. 

www.ladigetto.it