.:: Portale della responsabilità sociale di impresa1 ::.



Home > CSR > Comunicazione > In evidenza > Energia e fonti rinnovabili: a Milano si svolgerà l' "Italian Arab Business Forum"
Energia e fonti rinnovabili: a Milano si svolgerà l' "Italian Arab Business Forum"

Si terrà a Milano il 12 ottobre, presso la sede della Camera di commercio a Palazzo Turati, la prima edizione dell''Italian Arab Business Forum'. L’evento, patrocinato dal ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, è organizzato dalla 'Joint Italian Arab Chamber (Jiac)' in collaborazione con Promos, Camera di commercio di Milano, Unione delle Camere di commercio arabe, e realizzato grazie al contributo di Banca Intesa. L''Italian Arab Business Forum' si rivolge a imprese e aziende, nonché a rappresentanti governativi, membri del Parlamento, esponenti della comunità e delle principali istituzioni economiche, sia italiane che arabe, e rappresenterà un’occasione d’incontro e di networking per imprenditori, rappresentanti del settore pubblico e privato, banche e istituzioni finanziarie.

“Il 12 ottobre -spiega il presidente della Jiac, Cesare Trevisani- sarà una giornata di confronto sulle opportunità di business e di investimento nei mercati arabi e nel nostro Paese, dove saranno esplorate le possibilità di sviluppo di nuove e più dinamiche relazioni economiche, promuovendo una più approfondita conoscenza delle diverse culture di business".

Tra i temi chiave del Forum, il ruolo dell’Italia nei processi di industrializzazione e diversificazione economica del mondo arabo, l’espansione dei servizi finanziari, la crescita del settore energia e fonti rinnovabili, la centralità del turismo e delle infrastrutture nello sviluppo sostenibile delle relazioni economiche italo-arabe. Un focus particolare sarà inoltre dedicato all’importanza dell’imprenditoria femminile nei settori strategici per la crescita. L’evento vedrà la partecipazione del ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, del ministro del Commercio e Industria del Kuwait, Khaled Nasser Abdullah Al Roudan, e di numerosi altri esponenti delle istituzioni, della finanza e dell'imprenditoria italiana e araba.

Fonte: www.adnkronos.com