.:: Portale della responsabilità sociale di impresa1 ::.



Home > CSR > Comunicazione > In evidenza > Efficienza energetica: bando aperto da 36 milioni in Emilia Romagna
Efficienza energetica: bando aperto da 36 milioni in Emilia Romagna

La Regione Emilia-Romagna con delibera di Giunta regionale n. 791 del 30 maggio 2016 ha messo a disposizione 36 milioni di euro per il Fondo multiscopo di finanza agevolata a compartecipazione privata che, per il settore energia intende sostenere interventi di green economy, volti a favorire processi di efficientamento energetico nelle imprese e l'autoproduzione di energia da fonti rinnovabili al fine di aumentarne la competitività.
Le domande possono essere presentate a partire dal 10 luglio 2017 fino al 30 settembre 2017

 

Interventi e destinatari
Il Fondo finanzia:
-Interventi su immobili strumentali: ampliamento e/o ristrutturazione, opere edili funzionali al progetto;
-Acquisto ed installazione, adeguamento di macchinari, impianti, attrezzature, hardware;
-Acquisizione di software e licenze;
-Consulenze tecnico/specialistiche funzionali al progetto di investimento;
-Spese per la redazione di diagnosi energetica e/o progettazione utili ai fini della preparazione dell'intervento in domanda
I destinatari dei contributi sono rappresentati dalle imprese, in forma singola o associata, dalle società d'area, dai soggetti gestori di aree produttive e dalle Esco per gli interventi ammissibili a favore delle imprese.

 

Come opera il Fondo Energia dell'Emilia Romagna
Il Fondo interviene concedendo finanziamenti a tasso agevolato con provvista mista, derivante per il 70% dalle risorse pubbliche del Fondo (Por Fesr 2014-2020) e per il restante 30% da risorse messe a disposizione degli Istituti di credito convenzionati.

I finanziamenti, nella forma tecnica di mutuo chirografario, possono avere la durata compresa tra 36 e 96 mesi (incluso un preammortamento massimo di 12 mesi), ed importo ricompreso tra un minimo di 20 mila euro ad un massimo di 500mila euro.
È finanziabile il 100% del progetto presentato.

Fonte: www.insic.it