.:: Portale della responsabilità sociale di impresa1 ::.



Home > CSR > Comunicazione > In evidenza > Sostenibilità, nasce il premio "LifeGate Comunicazione Sostenibile"
Sostenibilità, nasce il premio "LifeGate Comunicazione Sostenibile"

Media Key e LifeGate hanno costituito il premio “LifeGate Comunicazione Sostenibile”, che verrà assegnato il prossimo 26 maggio allo IULM di Milano, all'interno della settima edizione del “Press & Outdoor Key Award”. Un premio speciale dedicato alle campagne di comunicazione stampa e outdoor "sostenibili", che hanno saputo coniugare innovazione e idee creative con un messaggio di sensibilizzazione dei consumatori verso le tematiche della sostenibilità.

Una novità assoluta nel panorama della comunicazione. Per la prima volta, infatti, è stato istituzionalizzato un riconoscimento che premia, oltre all'originalità dell'idea creativa e allo spirito d'innovazione, la capacità di promuovere un cambiamento a favore di un approccio responsabile al consumo. Il premio LifeGate Comunicazione Sostenibile verrà assegnato alla campagna che più delle altre avrà saputo esprimere questi valori.

Pubblicità, quindi, non più come veicolo esclusivo di prodotti o di valori aziendali, ma capace di associare un “messaggio di sostenibilità” che sia da stimolo per il cambiamento. Un premio speciale per valorizzare le campagne di comunicazione “green”, un riconoscimento dovuto verso un tema, la sostenibilità, che oggi ha un ruolo fondamentale nel mondo della comunicazione, quale drive primario per raggiungere un consumatore ormai evoluto, attento alle proprie scelte d'acquisto.

Come dimostrano alcune delle ultime ricerche di settore (Giampaolo Fabris/Ipsos/Osservatorio consumi, novembre 2009; “Gli italiani, la green economy & communication”, GfK-Eurisko per Upa e AssoComunicazione, 2009), il 53% dei consumatori a livello globale preferisce acquistare prodotti di aziende con una forte reputazione verde (Tandberg, 2009), mentre addirittura il 92,4% degli Italiani richiede prodotti che “non implichino un rapporto predatorio con la terra” e il 67% ritiene di poter influenzare il comportamento delle aziende e si dichiara pronto a “punire” i comportamenti irresponsabili.
 

Teleborsa