.:: Portale della responsabilità sociale di impresa1 ::.



Home > CSR > Comunicazione > In evidenza > Cicloturismo candidato a sostenere la ripresa del turismo
Cicloturismo candidato a sostenere la ripresa del turismo

Il cicloturismo può essere una componente importante per sostenere la ripresa del turismo e per fruire delle bellezze dei territori italiani all’insegna di ambiente e sostenibilità. Ha i caratteri della Low Touch Economy - sicurezza, salute, distanziamento, corto raggio - ed è un candidato eccellente per “nuova normalità” per superare l’emergenza coronavirus. Lo attestano Isnart-Unioncamere e Legambiente che nel rapporto 2020 hanno elaborato tendenze ed economia del cicloturismo in Italia.

Per due milioni di italiani è mezzo di trasporto quotidiano
Nel 2019 sono stati stimati 20,5 milioni di pernottamenti di cicloturisti italiani, dunque quest'anno considerando anche dei brevi soggiorni autunnali (due/tre giorni) a fine 2020 si raggiungerebbero le 25,9 milioni di presenze (+26%). In Italia nel 2019 sono state vendute 1,7 milioni di biciclette (3 al minuto), e quasi 2 milioni di italiani la usano come mezzo di trasporto quotidiano.

Nel 2019 spesa complessiva di 4.7 miliardi
Secondo il report nel 2019, il cicloturismo - comprendendo turisti italiani e stranieri - ha generato quasi 55 milioni di pernottamenti, corrispondenti al 6,1% del totale, generando una spesa complessiva di 4,7 miliardi di euro, pari al 5,6% del totale, di cui 3 miliardi generati dalla componente internazionali dei turisti. La spesa media giornaliera pro capite del cicloturista si attesta intorno ai 75 euro.

Il Trentino Alto Adige intercetta il 30% del flusso
Il Trentino Alto Adige è la regione che da sola intercetta la fetta più consistente (30% del totale) dell'intero flusso mentre le ciclovie più gettonate sono Trieste - Lignano Sabbiadoro -Venezia (43%), Ciclovia del Garda (43%), Ciclovia Tirrenica “Liguria-Toscana-Lazio” (29%), Ciclovia Adriatica (29%) e Ciclovia dell'Acquedotto Pugliese (29%).

Le due ruote fanno risparmiare 1,5 milioni di tonnellate di CO2 l’anno
L’utilizzo della bicicletta - continua il rapporto - consente di risparmiare l'emissione di 1,5 milioni di tonnellate di CO2 ogni anno, rappresenta una risposta ideale al bisogno di rigenerarsi dopo una fase di disagio. La bicicletta garantisce un naturale distanziamento fisico ed è particolarmente adatto a un turismo di prossimità. 

Corto raggio preferito
I dati relativi allo scorso anno 2019 indicano che il cicloturismo predilige il corto raggio: i cicloturisti - spiega il rapporto - tendono a muoversi nella stessa area di residenza o, al più, in quelle limitrofe; i turisti in bicicletta in Lombardia ed Emilia-Romagna prediligono destinazioni di prossimità, mentre veneti e toscani arrivano a spingersi a Sud raggiungendo Sicilia e Calabria. Per quanto riguarda i turisti internazionali, tedeschi ed austriaci si concentrano in Trentino, i francesi si distribuiscono più o meno equamente tra Lombardia, Trentino e Sardegna (che è il terzo mercato di riferimento anche dei britannici). Secondo i tour operator specializzati in cicloturismo, il pacchetto medio corrisponde a 7 notti, per un valore di circa 900 euro, e può essere itinerante o a base fissa.

Fonte: www.ilsole24ore.com