.:: Portale della responsabilità sociale di impresa1 ::.



Home > CSR > Comunicazione > In evidenza > CCIAA Genova: 242mila euro in voucher digitali. 3mila euro a impresa e mille euro di premialità per green, sviluppo sostenibile e turismo
CCIAA Genova: 242mila euro in voucher digitali. 3mila euro a impresa e mille euro di premialità per green, sviluppo sostenibile e turismo

Tornano, in una nuova versione post Covid-19, i voucher della Camera di Commercio di Genova per la digitalizzazione delle micro, medie e piccole imprese, previsti dal Piano Transizione 4.0 nell'ambito del progetto nazionale Punto Impresa Digitale (PID). E mettono sul piatto 242mila euro per consulenze, formazione e acquisto di nuove tecnologie che diano respiro alle imprese messe a dura prova dal lockdown causato dal covid-19.

Due le novità, rispetto al passato: i finanziamenti possono essere richiesti anche per la creazione di sistemi di eCommerce, per l’inserimento in marketplace internazionali di vendita online sia B2B sia B2C, per introdurre metodi di smart payment, e per tutte quelle innovazione tecnologiche e di software necessarie per favorire lo smart working in azienda. Due elementi -  eCommerce e smart working - che abbiamo visto essere indispensabili in momenti di crisi nazionale per far continuare a crescere il business e sui quali le aziende non possono più farsi trovare impreparate.

Il valore massimo del voucher è di euro 3mila a impresa, nella misura del 70% dell’importo complessivo delle spese ammesse ed effettivamente sostenute.

Sono previste premialità di ulteriori mille euro, per progetti green oriented, che favoriscano percorsi di sviluppo sostenibile o ancora per le micro imprese del turismo e dei servizi e prodotti collegati, le più colpite dall'emergenza sanitaria a Genova.

Per accedere al Bando Voucher I4.0 2020, le imprese della provincia di Genova dovranno inoltrare le domande, firmate digitalmente, esclusivamente tramite il portale Web Telemaco a partire dalle ore 9 del giorno 30 luglio 2020 fino alle ore 21 del 15 settembre 2020.

 

Fonte: Camera di commercio di Genova