.:: Portale della responsabilità sociale di impresa1 ::.



Home > CSR > Comunicazione > In evidenza > Economia circolare, al via il secondo ciclo di webinar della Camera di commercio di Parma su tematiche ambientali
Economia circolare, al via il secondo ciclo di webinar della Camera di commercio di Parma su tematiche ambientali

Unioncamere e le Camere di commercio dell’Emilia-Romagna promuovono una serie di seminari in modalità webinar rivolti alle imprese in tema ambientale per la promozione dell'economia circolare.

I seminari sono organizzati in collaborazione con Ecocerved e rientrano nell’ambito del progetto del Fondo di Perequazione “Politiche ambientali: azioni per la promozione dell’economia circolare” finanziato da Unioncamere italiana.

Obiettivo del seminario è di fornire un quadro introduttivo della disciplina relativa alla cessazione della qualifica di rifiuto e al regime dei sottoprodotti per aiutare l’impresa ad individuare le concrete possibilità di trasformazione del rifiuto in prodotto.

In questo contesto si approfondirà anche il tema della preparazione per il riutilizzo, la priorità assoluta definita dalla Direttiva quadro sui rifiuti nell’ambito delle modalità di gestione definite dalla cosiddetta “gerarchia dei rifiuti”, realizzando uno degli obiettivi fondamentali del processo di transizione all’economia circolare al centro delle politiche ambientali europee. Il tema trattato coinvolge ogni impresa che effettua lavorazioni industria e artigianali e le imprese che gestiscono impianti di recupero di rifiuti.

Il corso è rivolto a tutti i soggetti coinvolti nella produzione e nella gestione degli scarti dei processi produttivi e dei rifiuti a tutti i livelli: responsabili ambientali, imprese ed enti produttori di rifiuti, gestori di impianti di trattamento, trasportatori, intermediari, tecnici ambientali, PP.AA., organismi di vigilanza e controllo, consulenti tecnici e giuristi ambientali.

La partecipazione è gratuita ed aperta anche a associazioni di categoria e professionisti che supportano le imprese, previa iscrizione.

 

Per maggiori informazioni clicca qui.

Fonte: www.pr.camcom.it