.:: Portale della responsabilità sociale di impresa1 ::.



Home > CSR > Comunicazione > In evidenza > Firenze, 23-25 settembre: l'Energia intelligente si mette in mostra
Firenze, 23-25 settembre: l'Energia intelligente si mette in mostra

Applicare l’intelligenza all’energia”: è il tema conduttore della quarta edizione dell’evento “L’energia spiegata. Festival dell’Energia”, in programma a Firenze dal 23 al 25 settembre 2011.

L’iniziativa è promossa da Aris in partnership con FederUtility, e con il patrocinio e la collaborazione di Regione Toscana, Provincia e Comune di Firenze.

“Una scelta intelligente – sottolinea Alessandro Beulcke, Presidente Aris - per definizione è una scelta consapevole, che matura soppesando la complessità che il nuovo millennio ci impone: in termini ambientali, economici e, appunto, sociali. Una scelta responsabile considera i pro e i contro e guarda lontano, in una dimensione e in una prospettiva futura. Una scelta intelligente è soprattutto una scelta informata: è ciò che sappiamo, infatti, a farci consapevoli”.

“Ma consapevolezza e scelte responsabili – continua Beulcke - hanno bisogno di un’informazione trasparente, come un assetato dell’acqua. Un’informazione che si fa attraversare dalla curiosità e dalla volontà di sapere, che non evita confronti scomodi e questioni spinose, ma anzi li pone in evidenza, non per alimentare polemiche, ma al contrario per giungere al nocciolo e sviscerare contraddizioni e paradossi; un’informazione che dia spazio a tutte le voci – purché autorevoli - che fornisca numeri e li interpreti all’interno di un quadro più generale, che possa allargare gli orizzonti mentre distingue tra miti e realtà”.

Il “Festival dell’Energia” è nato con questa vocazione, certamente ambiziosa: rappresentare uno spazio neutro in cui costruire occasioni di confronto trasversali e accessibili, ma accurate e coinvolgenti, su temi che sono di sempre più straordinaria attualità.

L’edizione fiorentina del Festival discuterà infatti di Fukushima e delle rivoluzioni in Nord Africa; affronterà il dopo referendum sul nucleare in Italia e le discussioni intorno al IV Conto Energia sugli incentivi alle rinnovabili, discuterà con i sindaci italiani ed europei sulle “smart city” che verranno e si interrogherà sulle potenzialità e sulla sostenibilità dei biocombustibili di nuova generazione. Metterà al centro l’intelligenza creativa e inventiva interrogandosi sulle tecnologie di domani; cercherà di tenere insieme locale e globale, confrontandosi con la necessità di garantire l’accesso all’energia a più di un miliardo di persone nel mondo e al tempo stesso ragionando di cambiamenti climatici e strategie di contenimento delle emissioni.

“L’energia – quella che c’è, quella che manca, quella che vorremmo, quella che ci serve, quella che funziona, quella possibile – riguarda tutti”. “Per questo - conclude Beulcke - il Festival mette insieme scienziati, economisti, ricercatori, studenti, cittadini, giornalisti, imprenditori, politici, amministratori pubblici, manager... Perché solo da una visione globale e completa, frutto di sguardi e approcci diversi, può scaturire la risposta giusta per il particolare, lo specifico di quest’Italia di inizio millennio alle prese con il suo intricatissimo rebus energia”.

 

Fonte: Energia Spiegata