.:: Portale della responsabilità sociale di impresa1 ::.



Home > CSR > Comunicazione > In evidenza > Premio Impresa Ambiente
Premio Impresa Ambiente

5 realtà industriali italiane hanno ricevuto il premio impresa ambiente e sono ammesse di diritto all’European Business Awards for the Environment conferito dalla Commissione europea.

Sono i cinque vincitori del Premio Impresa Ambiente, premiati pochi giorni fa dal Ministro dell’ambiente Corrado Clini.
Renner Italia di Minerbio (Bologna) ha vinto per la categoria “Miglior Gestione” avendo realizzato un progetto incentivante di contenimento dei consumi energetici che ridistribuisce ai dipendenti in busta paga il 50% dei risparmi.

Saluzzo Yarns del Gruppo Sinterama di Saluzzo (Cuneo) è stata premiata per la categoria “Miglior Prodotto” per la produzione tecnologicamente innovativa di fili di poliestere di alta qualità, con un ampio numero di applicazioni tessili, realizzati da bottiglie di plastica riciclata trattata unicamente con processi meccanici non chimici.

Solveko di Fidenza (Parma) ha vinto nella categoria “Miglior processo/tecnologia” grazie allo sviluppo di un processo per il recupero e lo smaltimento dei solventi impiegati nei processi produttivi. La sostituzione degli evaporatori tradizionali a caldaia con evaporatori a film sottile che utilizzano un fluido riscaldante (olio diatermico) consente di ridurre il consumo idrico e un notevole risparmio economico.

Cooperativa I.So.La. di Torino si è vista attribuire il premi nella categoria “Migliore Cooperazione Internazionale”, per avere promosso, insieme all’Ong Re.Te., l’utilizzo di macchinari e tecnologie italiane per la produzione di paste alimentari e farine, lo sviluppo di coltivazioni bio di cereali tradizionali e l’incremento della produzione certificata in Bosnia-Erzegovina attraverso gli agricoltori locali.

Le cinque aziende vincitrici saranno ammesse di diritto all’European Business Awards for the Environment conferito dalla Commissione europea.

Quanto al “Premio Speciale Giovane Imprenditore”, è stato assegnato ad Antonella Lyoi per la Eco-repair di Pescara per un sistema di saldatura della plastica che molecolarizza le parti da unire e che garantisce una saldatura perfetta, durevole e a tenuta stagna. Il sistema permette il completo recupero di funzionalità dei manufatti plastici deteriorati riducendo l’impatto ambientale dei rifiuti.

Fonte: ARPAT - Toscana