Cerca

Novità legislative

lex

Aggiornamenti sulla legislazione e sulla giurisprudenza dell’Unione Europea sulle tematiche di maggiore interesse per le Camere di Commercio:

21/09/2022: Aiuti di Stato: la Commissione approva sovvenzioni da parte di 13 Stati membri a sostegno del progetto europeo nella catena del valore dell'idrogeno

La Commissione ha approvato un secondo importante progetto di comune interesse europeo – denominato IPCEI Hy2Use - per sostenere la ricerca e l'innovazione, la prima applicazione industriale e la costruzione delle relative infrastrutture nella catena del valore dell'idrogeno, al fine di ridurre la dipendenza dall’approvvigionamento di gas naturale. Il progetto, è stato elaborato e notificato congiuntamente da tredici Stati membri, inclusa l’Italia. Questi ultimi erogheranno fino a 5,2 miliardi di EUR di finanziamenti pubblici, che dovrebbero sbloccare ulteriori 7 miliardi di EUR di investimenti privati. Inoltre, nell’ambito del IPCEI, 29 imprese operanti in uno o più Stati membri, comprese le PMI e le start-up, parteciperanno a 35 progetti. La versione non riservata della decisione sarà consultabile con il numero SA.64645 (Italia) nel Registro degli aiuti di Stato sul sito internet della concorrenza della Commissione, una volta risolti eventuali problemi di riservatezza.

20/09/2022: La Commissione pubblica la relazione sulle misure di difesa commerciale dell’UE

La Commissione europea ha pubblicato oggi la sua relazione annuale sulle attività di difesa commerciale dell'UE nel 2021, nella quale si conclude che le misure commerciali dell'UE hanno direttamente tutelato 462 000 posti di lavoro nell'Unione nel 2021 in settori produttivi chiave dell'UE quali l'alluminio, l'acciaio, la ceramica e le tecnologie verdi. Nel dettaglio, la relazione indica una generale intensificazione delle attività di monitoraggio, l’adozione tempestiva di misure antielusione e antiassorbimento, il miglioramento dell’assistenza agli esportatori europei nella gestione di misure inique imposte loro da paesi terzi. La Commissione ha altresì attuato le restanti raccomandazioni formulate dalla Corte dei conti europea nel 2020, riguardanti le attività di comunicazione e di sensibilizzazione dei portatori di interessi (soprattutto le PMI) sullo scopo e sull'utilizzo degli strumenti di difesa commerciale.

Per maggiori informazioni, clicca qui.

19/09/2022: La Commissione presenta il nuovo strumento per le emergenze nel mercato unico (SMEI)

Lo SMEI è lo strumento presentato dalla Commissione europea che mira a salvaguardare la libera circolazione di beni, servizi e persone e la disponibilità di beni e servizi essenziali in caso di emergenze future, a beneficio dei cittadini e delle imprese di tutta l'UE. L’obiettivo è quello di porre rimedio alle carenze strutturali del mercato interno che ostacolano la capacità dell'UE di rispondere efficacemente alle situazioni di emergenza in modo coordinato. Misure unilaterali avevano portato a una frammentazione, aggravando la crisi e colpendo in particolare le PMI. Lo strumento per le emergenze nel mercato unico integra altre misure legislative dell'UE per la gestione delle crisi, come il meccanismo unionale di protezione civile e le norme dell'UE relative a settori quali la salute o la sicurezza alimentare. Istituisce, inoltre un quadro di gestione delle crisi equilibrato per individuare le diverse minacce per il mercato unico e assicura il buon funzionamento di quest'ultimo.

Per maggiori informazioni, clicca qui.

16/09/2022: La Commissione propone una legge europea per la libertà dei media

La Commissione europea ha adottato una nuova serie di norme per proteggere il pluralismo e l'indipendenza dei media nell'UE - cd. Media Freedom Act. L’obiettivo è quello di consentire ai media – pubblici e privati – di operare più facilmente a livello transfrontaliero nel mercato interno dell'UE, senza pressioni indebite e nel contesto della trasformazione digitale dello spazio mediatico. La proposta di regolamento prevede garanzie contro le ingerenze politiche nelle decisioni editoriali e contro la sorveglianza. Inoltre, pone l'accento sull'indipendenza e sul finanziamento stabile dei media del servizio pubblico, sulla trasparenza della proprietà dei media e sulla distribuzione della pubblicità statale. La legge affronterà, infine, la questione delle concentrazioni dei media e creerà un nuovo comitato europeo indipendente per i servizi dei media, costituito dalle autorità nazionali di regolamentazione dei media. La Commissione ha adottato una raccomandazione complementare con l'obiettivo di incoraggiare la creazione di garanzie interne per l'indipendenza editoriale.

Per maggiori informazioni, clicca qui e qui.

15/09/2022: Proposta della Commissione europea per regolamento sulla resilienza informatica

La Commissione europea ha presentato oggi la prima proposta di regolamento sulla resilienza informatica a livello UE, nota come Cyber Resilience Act. L’obiettivo è di proteggere i consumatori e le imprese da attacchi informatici attraverso l’introduzione di requisiti obbligatori di sicurezza informatica per i prodotti hardware e software durante tutto il ciclo di vita. Infatti, una delle priorità della Commissione è garantire un elevato livello di sicurezza informatica e ridurre la vulnerabilità dei prodotti digitali, al fine di scongiurare rischi di gravi perturbazioni delle attività economiche e sociali del mercato interno dell’UE.

Per maggiori informazioni, clicca qui.

14/09/2022: Il Parlamento europeo ha approvato la nuova legislazione sui salari minimi nell'UE

Il Parlamento ha approvato mercoledì in via definitiva la nuova direttiva sui salari minimi adeguati nell'UE, il cui testo è stato concordato lo scorso giugno con il Consiglio. L’obiettivo è quello di migliorare le condizioni di vita e di lavoro dei lavoratori dell'UE e promuovere progressi in ambito economico e sociale. A tal fine, il testo legislativo definisce i requisiti essenziali per l’adeguatezza dei salari minimi garantiti, come stabilito dalle leggi nazionali e/o dai contratti collettivi, e mira a migliorare l'accesso effettivo dei lavoratori alla tutela garantita dal salario minimo. La nuova direttiva, previa approvazione formale da parte del Consiglio, si applicherà a tutti i lavoratori dell'UE con un contratto o un rapporto di lavoro. I Paesi UE (fra cui l’Italia), in cui il salario minimo gode già di protezione, grazie ai contratti collettivi, non saranno tenuti a introdurre queste norme o a rendere gli accordi già previsti universalmente applicabili.

Per maggiori informazioni, clicca qui.

14/09/2022: Discorso sullo stato dell'Unione 2022

La Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha oggi pronunciato il discorso sullo stato dell'Unione di fronte al Parlamento in plenaria. Alla presenza della first lady Olena Zelenskyy, la presidente ha ribadito che la Commissione intende continuare a sostenere l’Ucraina garantendole accesso al mercato unico dell’UE. Ha chiarito, inoltre, che la sanzioni alla Russia resteranno in vigore. In tale prospettiva, il programma della Commissione per il prossimo anno prevede l’introduzione di misure per aiutare i cittadini europei ad affrontare la crisi energetica, ridurre la dipendenza dell'UE dai combustibili fossili russi, investire ulteriormente nelle energie rinnovabili, sostenere le PMI per rafforzare la competitività dell'Europa, guidare a livello mondiale l'adattamento ai cambiamenti climatici e continuare a difendere la democrazia e lo Stato di diritto, in Europa e nel mondo.

Per maggiori informazioni, clicca qui e qui.

12/09/2022: La Commissione stabilisce regole comuni per il monitoraggio e l'attuazione dei piani strategici della PAC

La Commissione ha adottato un regolamento che fornisce un quadro comune per il monitoraggio e la valutazione dei risultati della Politica agricola comune (PAC). Questa decisione stabilisce regole chiare sulle informazioni dettagliate che gli Stati membri dovranno raccogliere, in modo da poter sviluppare strumenti informatici e sistemi di raccolta adeguati prima dell'inizio della nuova PAC, il 1° gennaio 2023. Tali informazioni - elencate nell’allegato I del regolamento – comprendono la diminuzione delle emissioni di gas serra in agricoltura, la stabilità o l'aumento del reddito agricolo e la crescita delle imprese rurali. Inoltre, il nuovo regolamento stabilisce che i benefici dei Piani strategici della PAC devono inoltre essere raggiunti prestando attenzione all'efficienza, in particolare ai costi amministrativi e all'uso di strumenti digitali e satellitari.

Per ulteriori informazioni, clicca qui