Cerca

Novità legislative

lex

Aggiornamenti sulla legislazione e sulla giurisprudenza dell’Unione Europea sulle tematiche di maggiore interesse per le Camere di Commercio:

2/02/2024 - La Commissione accoglie con favore l'accordo politico sui nuovi diritti dei consumatori per riparazioni facili e attraenti

La Commissione europea accoglie con favore l'accordo politico provvisorio raggiunto ieri tra il Parlamento e il Consiglio sulla proposta della Commissione del marzo 2023 sulle norme comuni per promuovere la riparazione dei beni per i consumatori. Una volta adottate, le nuove norme introdurranno un nuovo "diritto alla riparazione" per i consumatori, sia nell'ambito della garanzia legale che al di là di essa, che renderà più facile ed economico riparare i prodotti invece di sostituirli semplicemente con altri nuovi. Ciò si tradurrà in un risparmio per i consumatori, stimolerà l'economia circolare e sosterrà gli obiettivi del consumo sostenibile e del Green Deal europeo. Le norme prevedono una garanzia legale prolungata di un anno per le riparazioni entro il periodo di garanzia legale originale e facilitano riparazioni più semplici ed economiche per i prodotti al di là di tale periodo, con l'obbligo per i produttori di divulgare informazioni sulle riparazioni e prezzi indicativi. Inoltre, le norme promuovono la disponibilità di pezzi di ricambio a prezzi ragionevoli, vietano gli ostacoli alla riparazione e incaricano gli Stati membri di attuare misure a sostegno della riparazione, potenzialmente sostenute da fondi UE. L'accordo prevede anche la creazione di una piattaforma europea per le riparazioni che aiuti i consumatori a individuare facilmente i servizi di riparazione più adatti.

Per maggiori informazioni, clicca qui

1/02/2024 - La prima revisione del bilancio a lungo termine dell'UE contribuirà ad affrontare le principali sfide dell'Unione

La Commissione europea accoglie con favore lo storico accordo del Consiglio europeo sulla revisione dei massimali del Quadro finanziario pluriennale, approvando l'80% dei finanziamenti proposti dalla Commissione. Gli elementi chiave includono l'istituzione di un nuovo fondo per l'Ucraina con 50 miliardi di euro che servirà a soddisfare le esigenze immediate, la ricostruzione e la modernizzazione. Sono inoltre stati stanziati 9,6 miliardi di euro per affrontare la migrazione e le sfide esterne, mentre la piattaforma per le tecnologie strategiche per l'Europa (STEP) si concentra sulla promozione della competitività a lungo termine sulle tecnologie critiche. Infine, un rafforzamento di 2 miliardi di euro del Flexibility Instrument e un aumento di 1,5 miliardi di euro della Solidarity and Emergency Aid Reserve rafforzano la capacità del bilancio dell'UE di rispondere a crisi impreviste come quelle affrontate negli ultimi anni. Il sistema di finanziamento, che combina risorse nuove e riassegnazioni, mira ad affrontare le priorità urgenti con un impatto minimo sui bilanci nazionali. L'accordo prevede un meccanismo in tre fasi per le emergenze e un nuovo strumento per chiarire il finanziamento dei costi legati alla NextGenerationEU.

Per maggiori informazioni, clicca qui 

31/01/2024 - La Commissione accoglie con favore l'accordo politico su un'etichettatura più chiara e una migliore composizione di miele, succhi di frutta, marmellate e latte

La Commissione europea accoglie con favore l'accordo politico raggiunto oggi dal Parlamento europeo e dal Consiglio per rivedere e rafforzare le norme di commercializzazione esistenti applicabili a miele, succhi di frutta, marmellate e latte. Le cosiddette Breakfast Directives stabiliscono norme comuni sulla composizione, sulle denominazioni di vendita, sull'etichettatura e sulla presentazione di questi prodotti per garantirne la libera circolazione nel mercato interno e aiutare i consumatori a fare scelte consapevoli. I colegislatori hanno anche dato mandato alla Commissione di valutare, entro i prossimi tre anni, le modalità per informare i consumatori sull'origine della frutta utilizzata nella produzione di succhi e marmellate.

Per maggiori informazioni, clicca qui 

30/01/2024 - La Commissione approva un regime di aiuti di Stato italiano di 550 milioni di euro a sostegno degli investimenti per l'utilizzo dell'idrogeno nei processi industriali

La Commissione ha approvato uno stanziamento all’Italia da 550 milioni di euro, già assegnati al PNRR e che prenderanno forma di sovvenzioni dirette, approvato nel contesto del Quadro di riferimento temporaneo per la crisi e la transizione. Nello specifico, i fondi sono rivolti al sostegno di misure in settori chiave per accelerare la transizione verde, coerentemente con il piano industriale del Green Deal. Le imprese italiane che dipendono dai combustibili fossili nei loro processi produttivi potranno accedere ai fondi tramite la presentazione di progetti. Quest’ultimi, per essere ritenuti ammissibili, dovranno porsi l’obiettivo di ridurre di almeno il 40% le emissioni di gas serra o di almeno il 20% il consumo energetico. Inoltre, per incentivare la transizione verso l’idrogeno, il sostegno pubblico sarà subordinato a condizionalità che garantiscano un effettivo risparmio di emissioni e il passaggio all'uso di tale combustibile pulito. Tutti gli investimenti legati a questa transizione devono prevedere una componente di almeno il 40% di idrogeno dell’input energetico totale dall’inizio della fase operativa dei progetti, di almeno il 75% entro il 2032, e del 100% entro il 2036.

Per maggiori informazioni, clicca qui 

24/01/2024 - La Commissione lancia il pacchetto innovazione AI per sostenere le startup e le PMI dell'intelligenza artificiale

La Commissione europea ha varato un pacchetto di misure per sostenere le startup e le PMI europee nello sviluppo di un'intelligenza artificiale (IA) affidabile e rispettosa dei valori e delle norme dell'UE. L'iniziativa deriva dall'accordo politico sull'Atto dell'UE sull'IA raggiunto nel dicembre 2023. Tra gli elementi chiave figurano la creazione di fabbriche di IA attraverso modifiche al regolamento EuroHPC, l'accesso privilegiato ai supercomputer, l'istituzione di un Ufficio IA all'interno della Commissione e l'assegnazione di un sostegno finanziario per l'IA attraverso programmi come Horizon Europe e Digital Europe. Inoltre, il pacchetto comprende iniziative per rafforzare i talenti dell'IA generativa, incoraggiare gli investimenti nelle startup dell'IA, accelerare lo sviluppo di spazi di dati comuni europei e sostenere l'iniziativa "GenAI4EU". La Commissione sta anche formando due consorzi per le infrastrutture digitali europee (EDIC): ALT-EDIC per le tecnologie linguistiche e CitiVERSE EDIC per il potenziamento dei gemelli digitali locali nelle comunità intelligenti.

Per maggiori informazioni, clicca qui

24/01/2024 - La Commissione propone nuove iniziative per rafforzare la sicurezza economica

La Commissione europea ha presentato un pacchetto completo di iniziative per rafforzare la sicurezza economica dell'Unione europea nel contesto delle tensioni geopolitiche e dei cambiamenti tecnologici. In linea con la European Economic Security Strategy, le proposte mirano a migliorare la competitività, a proteggere dai rischi e a promuovere i partenariati globali. Tra le iniziative principali figurano il miglioramento dello screening degli investimenti esteri, la promozione del coordinamento europeo dei controlli sulle esportazioni, la valutazione dei rischi derivanti dagli investimenti in uscita in tecnologie specifiche, il potenziamento del controllo dell'UE sulle esportazioni di beni a duplice uso e l'esplorazione di opzioni per sostenere la ricerca e lo sviluppo di tecnologie a duplice uso. Inoltre, il pacchetto affronta i problemi di sicurezza della ricerca raccomandando misure per una guida e un sostegno coerenti a livello europeo. Le misure proposte sottolineano la necessità di mantenere un ambiente economico aperto ma sicuro.

Per maggiori informazioni, clicca qui 

9/12/2023 - La Commissione accoglie con favore l'accordo politico sull’Artificial Intelligence Act

La Commissione accoglie con favore l'accordo politico raggiunto tra il Parlamento e il Consiglio sulla legge sull'intelligenza artificiale (AI Act), proposta dalla Commissione nell'aprile 2021. 
Le nuove norme saranno applicate direttamente nello stesso modo in tutti gli Stati membri e seguiranno un approccio basato sul rischio con categorie distinte. Le applicazioni di IA a rischio minimo, come i sistemi di raccomandazione, godono di esenzioni, mentre i sistemi di IA ad alto rischio, che comprendono le infrastrutture critiche e le forze dell'ordine, devono rispettare requisiti rigorosi e beneficiare di sandbox regolamentari per incoraggiare un'innovazione responsabile. I sistemi di IA che presentano rischi inaccettabili per i diritti fondamentali saranno soggetti a divieti, tra cui le applicazioni manipolative e alcuni usi dei sistemi biometrici. Specifiche misure di trasparenza impongono una chiara etichettatura delle operazioni di IA, assicurando che gli utenti siano informati sui sistemi biometrici e di riconoscimento delle emozioni. La mancata osservanza da parte delle aziende comporterà multe. La governance coinvolge le autorità nazionali e il nuovo Ufficio europeo per l'IA, che garantirà il coordinamento a livello europeo. Un gruppo scientifico di esperti indipendenti contribuisce alla valutazione del rischio e alla classificazione dei modelli di IA generici, consolidando la leadership dell'UE nella governance etica dell'IA.

Per maggiori informazioni, clicca qui

7/12/2023 - La Commissione adotta linee guida antitrust per gli accordi di sostenibilità in agricoltura

La Commissione europea ha adottato delle linee guida su come progettare accordi per la sostenibilità nel settore dell'agricoltura utilizzando una nuova esclusione dalle regole di concorrenza dell'UE introdotta dalla recente riforma della Politica agricola comune ("PAC"). L'articolo 101 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea vieta gli accordi tra imprese che limitano la concorrenza. Tuttavia, l'articolo 210a del Regolamento CMO esclude da questo divieto alcuni accordi del settore agricolo quando essi sono indispensabili per raggiungere standard di sostenibilità. Le linee guida chiariscono l'ambito di applicazione, gli obiettivi di sostenibilità ammissibili (ad esempio, la protezione dell'ambiente), i requisiti degli standard e le restrizioni alla concorrenza consentite. L'intervento ex-post delle autorità garanti della concorrenza è delineato per i casi che comportano prezzi al consumo irragionevoli o l'eliminazione di prodotti con una domanda significativa. Le linee guida entreranno in vigore dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale e gli operatori con accordi esistenti sono incoraggiati ad allinearsi entro l'8 dicembre 2023, con la possibilità di chiedere pareri alla Commissione sulla compatibilità.

Per maggiori informazioni, clicca qui

8/11/2023 - La Commissione adotta il pacchetto Allargamento 2023

La Commissione europea ha adottato il Pacchetto Allargamento 2023, con valutazioni dettagliate della situazione attuale e dei progressi compiuti da Albania, Bosnia-Erzegovina, Kosovo, Montenegro, Macedonia del Nord, Serbia, Turchia e, per la prima volta, anche da Ucraina, Repubblica di Moldova e Georgia nei rispettivi percorsi di adesione all'Unione europea. In particolare, il rapporto si concentra sui progressi compiuti nell'attuazione di riforme fondamentali e fornisce indicazioni chiare sulle priorità delle riforme future. In particolare, la Commissione raccomanda di aprire i negoziati con l'Ucraina e la Moldavia, di concedere lo status di candidato alla Georgia e di avviare i negoziati di adesione con la Bosnia Erzegovina una volta raggiunto il necessario grado di conformità ai criteri di adesione. In generale, per quanto riguarda i Balcani occidentali, la Commissione rinnova l’invito ad intensificare gli sforzi nelle riforme relative allo Stato di diritto, sistema giudiziario e settori chiave come la lotta alla corruzione. Nel caso della Turchia, si richiede invece un maggiore allineamento con la politica estera e di sicurezza europea.

Per maggiori informazioni, clicca qui